Almanacco del Calcio Toscano

Le cronache di Eccellenza

Le cronache di Eccellenza. Ecco in rassegna tutte le cronache dei due gironi toscani della categoria regina.

Nella foto il capitano della Rufina Alessandro Sequi, autore del gol della vittoria sul campo della Rondinella.

Girone A 6a giornata

River Pieve-Geotermica 0-0

RIVER PIEVE: Tozzini, Ramacciotti, Filippi, Byaze (46′ Bachini), Di Giulio, Rossi, Magera (46′ Tocci), Cecchini, Canessa (79′ Lunardi), Babboni (55′ Fruzzetti), El Hadoui (78′ Bosi). A disp.: Tonarelli, Leshi, Rocco, Dinucci. All.: Fanani Pacifico
GEOTERMICA: Bettarini, Landi N., Romeo, Pashja, Caccio, Spagnoli (44′ Bani), Fornaciari (72′ Penco), Puccini, Pellegrini, Mecacci, Scottu. A disp.: Rossi, Falca, Frimpong, Amedei, Burini, . All.: Ballerini Claudio
ARBITRO: Bonaventura Corti di Prato
NOTE: Espulso Pellegrini al 65′ per doppia ammonizione. Ammoniti Filippi, Cecchini, Bachini, Spagnoli, Frimpong.

Seconda partita in casa di fila, secondo anticipo di fila ed ennesimo pareggio per il River Pieve in questa nuova stagione del campionato di Eccellenza.
Nelle sei partite giocate, infatti, i biancorossi di Pieve Fosciana si sono portati a casa un punto in ben quattro occasioni, con le altre due partite chiuse equamente con una sconfitta e una vittoria.
La gara di oggi, contro la non irresistibile Geotermica, poteva essere l’occasione buona per tornare ai tre punti, ma nonostante la buona volontà degli uomini di Fanani il punteggio non si è schiodato dallo 0-0.
Il primo tempo tra le due compagini è stato tutt’altro che esaltante: la partita si è giocata per buona parte a centrocampo, le occasioni sono state pochissime, quasi zero, e sono forse stati gli ospiti a mettersi maggiormente in mostra.
Nel secondo tempo, però, il registro dell’incontro cambia completamente, e il River Prende possesso del campo e crea le occasioni più importanti.
Fruzzetti, Tocci e Bachini, in tre diverse occasioni, si sono fatti ipnotizzare da Bettarini; estremo difensore “protagonista” anche per un intervento in area su Bosi per cui i garfagnini hanno protestato con vigore. Al triplice fischio di Corti gli animi si sono scaldati, ma senza eventi degni di nota. FONTE: lagazzettadelserchio.it

Cuoiopelli-Fucecchio 3-1

CUOIOPELLI: Pulidori, Lici (54′ Sgherri), Guerrucci (81′ Razzauti), Viola (46′ Bianchi), Colombini, Lucaccini R., Benericetti, Passerotti, Fantini (89′ Friuli), Cavallini L., Costanzo (68′ Bagnoli). A disp.: Brogi, Lioci, Regoli, Ponzolini. All.: Falivena Roberto
FUCECCHIO: Del Bino, Boghean (71′ Agostini), Lotti (83′ Re), Nannetti, Cenci, Ghelardoni, Arapi, Mariani (80′ Tassi), Cioni, Badalassi (85′ Bindi), Rigirozzo (74′ Falconi). A disp.: Rocchi, Lecceti, Malanchi, Maccagnola. All.: Dell Agnello Lorenzo
ARBITRO: Omar Michele Zampieri di Rovigo
RETI: 32′ Fantini, 37′ Costanzo, 53′ Rigirozzo, 76′ rig.Cavallini L.
NOTE: Espulso Mariani al 94′. Ammoniti Guerrucci, Viola, Passerotti, Fantini, Nannetti.

Al termine di un derby che non si è fatto mancare niente vince la Cuoiopelli.
La squadra di Falivena ha sprigionato tutta la sua potenzialità potendo contare sugli allunghi di Benericetti e il sinistro sempre velenoso di Cavallini. Non è stata una settimana ideale per preparare il derby del Cuoio in casa fucecchiese. I problemi societari emersi ad inizio settimana non hanno però costituito un alibi, la squadra di Dell’Agnello si è compattata e pur uscendo battuta dal Masini lo ha fatto a testa alta potendo recriminare sulle sue opportunità fallite.
La Cuoio ha segnato tre gol, uno le è stato annullato in una posizione dubbia di fuorigioco. Il Fucecchio anche quando la gara sembrava chiusa ha colpito due legni e nel conto ci aggiunge un salvataggio sulla linea e un rigore fallito.
Gli errori che commetti con una squadra come la Cuoio li paghi anche se per oltre mezz’ora gli ospiti si erano fatti preferire. Colombini e soci sono spietati. Arapi in disimpegno perdeva una palla sanguinosa che Cavallini scaricava subito per Fantini il quale non si lasciava pregare e collocava il pallone all’incrocio dei pali alla sinistra di Del Bino, per il suo secondo centro stagionale.
Pochi minuti dopo con una facilità irrisoria Benericetti entrava in area da sinistra e disegnava una parabola che chiudeva a Costanzo di essere appoggiata in gol, per la sua seconda rete in campionato. I due marcatori sempre in casa avevano colpito all’esordio casalingo con il Valdinievole Montecatini.
Mariani, il migliore in casa ospite, apre la seconda frazione con una punizione insidiosa che anticipa la rete di Costanzo annullata per un fuorigioco apparso dubbio. 
In apertura di ripresa il diagonale chirurgico di Rigirozzo fa crollare l’imbattibilità di Pulidori dopo 335 minuti: 2-1.
Il Fucecchio ci crede e Lucaccini spazia sulla linea la palla di Cioni che varrebbe l’aggancio.
A poco più di venti dalla fine un uscita maldestra di Pulidori finisce per causare fallo da rigore su Mariani. Arapi si presenta per la massima punizione e Puldidori disinnesca, come aveva fatto in casa della Geotermica, il rigore del pareggio.
Massima punizione accordata 9 minuti dopo alla Cuoio per il ritorno irregolare di Lotti su Cavallini lanciato a rete. L’attaccante mette al sicuro la vittoria spiazzando Del Bino diventando con quattro reti il miglior marcatore dei suoi. Il Masini è una bolgia sugli spalti i nervi sono a fior di pelle.
Il Fucecchio non è ancora domo e prima di abdicare colpisce due pali di testa con Agostini e con Falconi su punizione. Prima del segnale di chiusura dalla panchina per un diverbio con il pubblico anche Mariani viene cacciato così come era avvenuto a Dell’Agnello, al fischio finale le due squadre vanno nei rispettivi angoli, la Cuoio per festeggiare la vittoria, il Fucecchio per raccogliere il giusto tributo dopo aver veramente dato tutto. FONTE: ilcuoioindiretta.it

Fratres Perignano-Lanciotto Campi 1-0

FRATRES PERIGNANO: Colucci, Pennini, Petri, Bernardini, Gemignani, Mancini, Zefi, Ficarra, Taraj, Rosi, Sciapi. A disp.: Gliatta, Gamberucci, Porcellini, Freschi, Baggiani S., Bonni, Martinelli, Vitillo, Guarente. All.: Cristiani Enrico
LANCIOTTO CAMPI: Roselli, Benelli, Esposito Goretti, Fedi, Mazzanti, Bambi, Manzatu, Verdi, Cecchi, Fathou, Frezza. A disp.: Gennaro, Nocentini, Andreucci, Beraldi, Thiam, Afelba, Amadio, Cassiolato, Rocco. All.: Secci Riccardo
ARBITRO: Francesco Raciti di Siena
RETI: 77′ Taraj

Nonostante l’inferiorità numerica per oltre 50′ a causa dell’espulsione di Pennini al 39′, il Fratres Perignano batte per 1-0 il Lanciotto Campi grazie a una rete nella ripresa. Primo squillo di giornata a favore degli ospiti, grazie alla bella conclusione di Frezza, in anticipo su Petri, respinta con sicurezza da Colucci fra i pali. Al 22′ ancora in avanti il Lanciotto con il solito Frezza, questa volta però è puntuale la difesa locale capitanata da Mancini.
Nel finale di un primo tempo dalle poche emozioni, Taraj prova la conclusione dalla distanza per i locali, ma la sfera finisce lontana dallo specchio della porta.
Nella ripresa, rimasti in 10, i ragazzi di Cristiani prendono comunque in mano il pallino del gioco, e intorno al 65′ è Rosi a mancare l’impatto su cross dalla sinistra. Un paio di minuti più tardi il direttore, fra le proteste del pubblico, ammonisce Rosi per simulazione dopo un dubbio contatto in area di rigore. Il pressing del Perignano si fa insistente e al 77′ il risultato si sblocca. Angolo dalla sinistra che spiove sul palo lontano, capitan Mancini scodella di nuovo al centro una parabola nel traffico dell’area piccola, dove svetta Taraj insaccando di testa l’1-0 da tre punti, festeggiato con corsa sfrenata verso la tribuna.
All’80’ Gemignani sfiora il raddoppio con una conclusione dal vertice destro dell’area di rigore; in pieno recupero, su angolo di Bernardini, ancora Rosi ha il pallone buono ma non riesce a imprimere forza alla sua deviazione e Brunelli para. Si finisce così sull’1-0 per la Fratres. FONTE: fratresperignano.it

Massese-Ponte Buggianese 1-0

MASSESE: Paci, Bertolinelli, Marchini, Fortunati, Terigi, Del Pecchia Sidibe (74′ Brizzi), Cornacchia, Anaya Ruiz, Bracci R, (Andrei), Vignali (Casoloa), Bracci M. A disposizione: Azioni, Costi, Boninii, Bennati, Berti. Allenatore Fabrizio Tazzioli.
PONTE BUGGIANESE: Rizzato, Palmese (66’ Innocenti) , Belluomini (76’ Zani) Zocco, Chelini, Birindelli ( 67’Sabia ) Pievani (77’ Gargani) Giannini, Nardi, Granucci (70’ Martinelli), Sali. A disposizione: Belli, Romiti, Ceccarelli,i. Passaretti Allenatore Enrico Gutili.
ARBITRO: Rosi di Ancona.
RETE: 75’ Terigi.

Sul terreno verde del “Lunezia” di Pontremoli, il Ponte Buggianese conosce la prima sconfitta stagionale giocando almeno alla pari della Massese, formazione fra le più attrezzate del girone, ma ancora in cerca della propria identità sotto il profilo del gioco e del rendimento.
Lo squadrone bianconero si è mostrato comunque cinico quanto basta per trovare su una azione da calcio piazzato la deviazione vincente di Terigi a meno di un quarto d’ora dal triplice fischio finale che ha fatto risalire la china agli ambiziosi apuani.
Di fatto si è trattato di una rara incursione in area biancorossa da parte degli atleti di casa in un confronto dove il demerito più grosso dell’undici pontigiano è stato quello di non mettere al tappeto la Massese quando era il momento. Ma questo è il calcio. Qualche assenza nel clan ospite con mister Enrico Gutili che inizialmente ha tenuto in panchina l’esterno Martinelli dando fiducia al rientrante Granucci. In ogni caso Nardi e compagni si sono fatti apprezzare per le buone trame di gioco, l’applicazione negli schemi e l’impegno, sfiorando appunto il gol in almeno due o tre circostanze.
Il Ponte Buggianese ci prova con Belluomini e Nardi, senza riuscire però a centrare il bersaglio grosso.
Nella ripresa la squadra di Gutili inizia ad alzare il proprio baricentro e a macinare gioco, mettendo così in seria difficoltà la Massese. Sali prima spedisce la sfera fuori, dopo una bella azione in contropiede costruita dai pontigiani. Nardi subito dopo ci prova, ma viene stoppato da Paci, che compie una parata che ha del miracoloso. A seguire c’è pure il palo centrato da Zocco, e la parata di Paci al 90′ su tiro di Nardi. che testimonia come gli ospiti stiano giocando un grande match. Resta la prestazione che non porta però fieno in cascina. FONTE: pistoiasport.com / lanazione.it

A fine gara il d.g. massese Augusto Cantoni riconosce i meriti degli avversari: “Al Ponte Buggianese è accaduto in parte ciò che è successo a noi sin qui, quando i risultati ci hanno voltato le spalle in partite che ai punti avremmo vinto. Il Ponte è un’ottima squadra, ben messa in campo, von un’ottima organizzazione di gioco e non meritava senz’altro di perdere”.
(Redazione Almanacco)

Montespertoli-Camaiore 1-0

MONTESPERTOLI: Biotti, Fiaschi, Corradi, Trapassi, Calonaci, Pecci, Busce, Anichini, Imbrenda, Maltomini, Marcacci. A disp.: Onori, Marconi, Conti M., Focardi Olmi, Cremonini, Leoncini, Mosti Falconi, Lotti, Mhilli. All.: Sarti Gianluigi
CAMAIORE: Barsottini, Borgia, Crecchi, Biagini, Arnaldi, D Alessandro, Da Pozzo, Amico, Kthella, Anzillotti, Ricci M.. A disp.: Barsaglini, Orlandi, Coppola, Adami, Natali, Pezzini, Verona, Bellucci, Belluomini. All.: Polzella Gianluca
ARBITRO: Ginevra Giovanili di Arezzo
RETI: 47′ Busce

Parte bene il Camaiore, fanno girare la palla ma non riescono a creare pensieri alla retroguardia Gialloverde, nel finale del primo tempo è proprio il Montespertoli ad avere l’occasione giusta per passare in vantaggio con Marcacci imbeccato da Maltomini.
Il secondo tempo si apre con l’azione travolgente di Buscè, entra in area e con un tiro rasoterra infila il portiere Versiliese. Il Camaiore prova a reagire ma il muro Gialloverde oggi è insuperabile, i due centrocampisti Anichini e Pecci sono su tutte le palle e Calonaci dirige la difesa alla perfezione.
Con i cambi effettuati il Montespertoli potrebbe raddoppiare, con due azioni di Mosti Falconi e Mihiilli. Alla fine i tre punti sono meritati per i ragazzi di mister Sarti, che stanno facendo grandi cose. FONTE: pagina FB A.S.D. Montespertoli

Prolivorno Sorgenti-Castelfiorentino United 0-1

PROLIVORNO SORGENTI: Serafini A., Solimano, Lischi A., Michelotti, Cavalli, Signorini, Montagnani, Marcon, Calio, Montecalvo, Lucarelli. A disp.: Marchetti M., Palminteri, Lotti, Galeone, Santagata, Putrignano, Lucchesi, Maffei, Gianfranchi. All.: Bandinelli Federico
CASTELFIORENTINO UNITED: Lupi, Mancini, Casanova, Benvenuti, Campatelli, Canali, Ballerini, Ercoli, Ferretti, Boumarouan, Durante. A disp.: Neri, Maltinti, Fall, Baragli, Boni, Benedettino, Pieracci, Bruni T., Borri. All.: Scardigli Nico
ARBITRO: Mattia Solito di Piombino
RETI: 37′ Mancini

Il Magnozzi resta un campo inespugnabile per la Pro Livorno Sorgenti che davanti ai suoi tifosi ha subito la terza sconfitta interna in uno scontro diretto per la salvezza. L’avversario, il Castelfiorentino, ha portato a casa i tre punti ed ha scavalcato i bianco verdi in classifica grazie al gol del difensore Mattia Mancini al 37′ minuto del primo tempo.
I padroni di casa hanno comandato il gioco fin dai primi minuti, ma faticano a concretizzare le poche occasioni create e a ciò oggi si è aggiunta l’assenza per infortunio dell’attaccante principe Davide Cutroneo. Gli ospiti dal canto loro sono squadra quadrata ed organizzata che ha trovato il gol del vantaggio intorno alla mezzora del primo tempo ed ha poi saputo difendere il risultato fino alla fine.
La rete dei giallo blu è arrivata sugli sviluppi di una punizione, il cross sul secondo palo è stato intercettato dal difensore Mancini che di testa non ha lasciato scampo a Serafini. Nel secondo tempo nella formazione livornese è entrato anche Davide Lucchesi, ma l’andamento del match npon è cambiato di molto con la formazione fiorentina a difendere e la Pro Livorno non troppo efficace davanti. Negli ultimi minuti di gara è stato poi espulso il centrocampista livornese Leonardo Santagata entrato anche lui nella ripresa.
La vittoria in esterna a Fucecchio aveva ridato quel po’ di entusiasmo all’ambiente, tuttavia la squadra non è riuscita a ripetersi e adesso la classifica dice penultimo posto con soli 4 punti. La prossima gara in programma per i ragazzi di mister Bandinelli è in trasferta contro lo Zenith Prato attualmente 8° in classifica, l’obiettivo è ovviamente fare punti e cercare di ripetere la buona prestazione vista a Fucecchio. Il Castelfiorentino è atteso invece dalla gara interna col River Pieve. FONTE: amaranta.it

Tuttocuoio-Zenith Prato 0-1

TUTTOCUOIO: Carcani, Sorbo, Puleo, Viti, Massaro (15’ st Turini), Papi, Rossi, Severi (40’ st Edu Mengue), Chiti (15’ st Pratesi), Princiotta (10’ st Centonze), Solari (40’ st Lebbaraa). A disp.: Iacoponi, Mustone, Novi. All. Tavano
ZENITH PRATO: Brunelli, Bucciantini (10’ st Casini), Bagni, Kouassi, Cela, Falteri (41’ st Luka), Lunghi (22’ st Mari), Ciravegna (26’ st Castiello), Saccenti, Gonfiantini, Chiaramonti (44’ st Braccesi). A disp.: Pellegrini, Diffini, Macchi, Moretti. All. Settesoldi
ARBITRO: Aratri di Bari (Spagnuolo e Notari di Siena)
RETI: 10’ st Chiaramonti
NOTE: Espulso: 37’ pt Papi per fallo di gioco. Note: 95’ Rossi (T calcia sul palo un calcio di rigore)

Le speranze del Tuttocuoio di mantenere la vetta della classifica, anche se in coabitazione, svaniscono all’ultimo istante di gara quando Rossi calcia sul palo il rigore del pareggio. La palla poi è carambolata su Brunelli prima che lo stesso Rossi la scaraventasse in rete, ma a quel punto il direttore di gara ha fischiato la fine della gara decretandola conclusa al momento in cui la sfera si è stampata sul montante. Il Tuttocuoio ha dovuto disputare una gara di sacrificio dopo il rosso sventolato a Papi in chiusura di primo tempo per un intervento falloso, decisione apparsa frettolosa. I pratesi si erano portati in vantaggio con un’incornata dell’ex San Miniato Basso, Chiramonti, legittimando la rete con una traversa di Lunghi compiendo così un bel balzo in classifica. FONTE: ilcuoioindiretta.it

Valdinievole Montecatini-Sporting Cecina 0-2

VALDINIEVOLE MONTECATINI: Gega, Fanti, Lucchesi, Veraldi (89’ Salliu), Coselli, Torracchi, Rosati (67’Gerti Bibaj) i), Volpi (46’ Giulianelli) Ba, Bibaj Gers (80’ Bibaj Gerti) ), Bacci (68’ Dingozii) . A disposizione.: Cortopassi, Tesi, Salliu, Besson. Allenatore: Leonardo Tocchini.
SPORTING CECINA: Cappellini, Milano C., Fiorini, Facenna, Startari, Lorenzini , Diagne (76’ Brizzi) , Bardini , Carlotti (80’ El Falhali) Pallecchi (78’ Giannini ) Skerma . A disposizione: Barbanera,Fiorentini, Cionini, Ghilli, Rovini Pecchia. Allenatore: Sebastiano Miano.
ARBITRO: Cremonini di Pisa.
RETI: 42′ Pallecchi, 94′ Brizzi.

L’atteso “classico” del football del Granducato tornato quest’anno di moda ma colpevolmente assente da palcoscenici adeguati al blasone di Cecina e Montecatini da troppo tempo, a distanza di ben 21 primavere dall’ultimo precedente disputato sul suolo termale (finito 1-1), il club labronico dopo quasi un secolo di tentativi andati a vuoto, per la prima volta è riuscito a fare bottino pieno in trasferta.
Una sorta di maledizione spezzata dalla sontuosa prestazione corale sfoderata dall’affiatata compagine ospite, figlia dell’ottima organizzazione di gioco e ma pure dall’ imprevedibilità dei tanti mancini presenti in rosa, arma ben sfruttata dall’ex bandiera del Gavorrano, Sebastiano Miano, trainer dei rossoblu da quattro stagioni.
Uno che non ha mai esitato a “fare la partita” e ad imporre il ritmo attaccando in mediana gli imprecisi e rimaneggiatissimi padroni di casa , falcidiati dagli infortuni.
La prima palla gol però, al 15’, è dei “bagnaioli”: la retroguardia avversaria lascia a Volpi l’opportunità del tiro da buona posizione. La sfera si perde di poco al lato. La risposta labronica sta nella conclusione di Dagne parata da Gega al 25’. Il manovriero Cecina, comunque, trova lo spunto vincente poco prima dell’intervallo in virtù della prodezza balistica di Carlotti, perfetto mix di classe e precisione con il pallone che si insacca a giro sotto l’incrocio dei pali.
Nella ripresa la reazione della truppa biancoceleste non impensierisce la quadrata formazione labronica. Tocchini inserisce le poche forze fresche disponibili, ma la situazione non muta.
Per l’estremo difensore Cappellini, fra l’altro ex di turno, c’è lavoro solo in qualche uscita. Il Cecina gestisce il risultato e nel recupero mette il decisivo sigillo alla contesa grazie al chirurgico contropiede del neo entrato Brizzi, che entra in area e batte Gega in uscita prima che scenda malinconica la sera. FONTE: pistoiasport.com

Girone B 6a giornata

Asta-Foiano 2-5

ASTA TAVERNE (4-3-3): Anselmi; Seri (Rivituso 36’ St), Di Renzone, Maggini, Gianni (Minucci 1’ St); Mazza L. (Mazza G. 32’ St), Morasca, Ceccatelli; Pugliese (Cappelli 9’ St), Doka Brent (Fontani 20’ St), Doka Bjorn. A disp.: Cicali, Grassini, Curcio, Guidarelli. All.: Marco Guidi.
NUOVA FOIANO (4-3-3): Lombardini; Lombardi (Bux 9’ St), Bennati, Fanetti, Tenti; Verdelli, Costantini, Cacioppini (Biagi 23’ St)); Nannoni (Berneschi 18’ St), Adami, Betti (Dei Leo 23’ St). A disp.: Goretti, Bruschi, Mazzi, Bonadonna, Bartoli. All.: Filippo Zacchei.
ARBITRO: Alessio Vaggelli Sez. Prato (Francesco De Feudi Sez. Firenze – Vittorio Poggipolini Sez. Empoli).
MARCATORI: Di Renzone 22’ Pt (A); Betti 45+2’ Pt (N); Adami R. 5’ St (N); Doka Bjorn 6’ St (A); Adami 17’ St (N); Adami 20’ (N); Adami 42’ St (N).
AMMONITI: Maggini 10’ St (A)

Sconfitta amara per l’Asta Taverne che cede il passo alla Nuova Foiano.
Risultato da dimenticare per l’Asta che contro la Nuova Foiano ha perso per 2 a 5. Gli arancio-blu hanno approcciato con il giusto atteggiamento la partita e dopo poco più di 20 minuti Di Renzone ha portato in vantaggio i suoi con un colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Il primo tempo sembrava tutto sommato sotto controllo dell’Asta ma nei minuti di recupero l’asse Nannoni-Betti produce il gol di quest’ultimo che vale l’1-1.
Nella seconda frazione la partita si stappa completamente: la Nuova Foiano passa in vantaggio con il rigore realizzato da Adami ma l’Asta risponde prontamente con il piatto all’angolino di Doka Bjorn. Per gli ospiti poi è sempre lo stesso Adami a salire in cattedra e a realizzare un gol di potenza con il mancino, per il 2 a 3, e una prodezza di tacco per il doppio vantaggio. Nel finale l’Asta prova a proiettarsi in avanti ma così facendo Adami ha spazio per realizzare da pochi metri il suo quarto gol personale che chiude la partita sul 2 a 5. Il percorso degli arancio-blu riprenderà domenica con il derby contro il Siena. Il Foiano riceverà un Pontassieve in crisi di risultati e a caccia di punti. FONTE: Ufficio Stampa Asta Taverne
L’allenatore del Foiano Filippo Zacchei la racconta così all’Almanacco:
Abbiamo fatto la partita per tutti i 95′, l’Asta non ha quasi mai superato il centrocampo. Ci hanno impegnato solo in due occasioni, la prima con parata di Lombardini, la seconda con una punizione deviata dalla barriera in corner, da cui è nato il gol. Prima della fine del tempo ha pareggiato Betti su una bella palla filtrante di Fanetti e messa poi in mezzo da Nannoni, Betti ha segnato in pratica a porta vuota. Subito all’inizio del secondo tempo Cacioppini si è procurato un rigore e Adami ha trasformato, ma con un errore difensivo sulla destra abbiamo permesso il pareggio di Doka Bjorn che ha infilato di piatto l’angolino sul secondo palo. Adami ci ha riportato avanti con un tiro sul palo e poi in rete, e ha segnato ancora di tacco su cross di Berneschi e nel finale quasi a porta vuota. Nel frattempo il nostro portiere Lombardini ha fatto un’ottima parata su colpo di testa da azione d’angolo”.

Redazione Almanacco

in golColligiana-Baldaccio Bruni 0-0

COLLIGIANA:  Chiarugi, Finetti, Donati, Pierucci (27’ st Ferraù), De Vitis, Manganelli, Mussi, Cicali (16’ st Discepolo), Polo, Mugnai, Marabese (31’ st Baccani). All. Giacomo Chini; a disp.ne: Petrucci, Sardelli, Barontini, Mariani, Corbinelli, Bartalini.
BALDACCIO BRUNI: Vaccarecci, Piccinelli, Perfetti, Andreani, Giorni (45’ st D’aprile), Bruschi, Mambrini, Torzoni, Boriosi (31’ st Giovagnini), Mercuri (20’ st Sbardella), Autorità (93’ Tresa).- All.  Luca Baldonini; a disp.ne: Conti, Beretti, Mazzoni, Piselli, El Mohtarim.
ARBITRO: Nicola Mascelloni di Grosseto; ass.ti: Kristian Ramadiu Livorno e Stefano Dore di Pisa
NOTE: ammonito Perfetti. Recupero 1’ pt, 8’ st.

La Colligiana di mister Chini non va oltre il risultato ad occhiali al cospetto di una ostica Baldaccio Bruni. Pur avendo avuto le sue buone occasioni, la Colligiana non è comunque riuscita a sfruttarle a dovere mentre gli ospiti sono stati attenti in difesa e davanti sono stati imprecisi.
Al 12’ Marabese costringe Vaccarecci alla deviazione in angolo. al 16’ Marabese serve palla a Polo che conclude alto. È poi bravo Chiarugi ad allungarsi e deviare in angolo una conclusione a fil di palo. Al 41’ Pierucci lascia partire un tiro dal limite che si infrange sul palo. Al 44’ Mugnai penetra in area ma spreca sul portiere.
Nella ripresa è del Baldaccio la prima a zione veramente pericolosa con Autorità che riesce a superare Chiarugi, ma ottiene solo un angolo sulla deviazione. Ci provano anche Mussi, Discepolo e Baccani ma senza esito e Vaccarecci fa buona guardia.
Ci prova ancora il Baldaccio con un colpo di testa di Sbardella ma Chiarugi non si fa sorprendere. Finisce 0 a 0.
Mister Chini a fine gara:“Pareggio sostanzialmente giusto contro una squadra ostica. Ma questo è un campionato in cui nessuno ti regala niente. Noi oggi, rispetto ad altre volte abbiamo creato meno. Dobbiamo cercare di tirar fuori una cattiveria maggiore perché a questa squadra non gli manca niente e non deve essere e non voglio che diventi un alibi ma dobbiamo fare qualcosa in più tutti. Sono convinto che questa squadra abbia dei buoni valori e che prima o poi girerà anche a favore nostro“. FONTE: colligianacalcio.it

Firenze Ovest-Lastrigiana 0-0

FIRENZE OVEST: Daddi, Rossi, Tibaldi, Bartolozzi, Marghi, Zefi, Iaquinandi, Tassi (60′ Nieri), Berti, Lakti (60′ Failli), Bourezza. A disp.: Fiaschi, Ciofi, Di Matteo, Lazzeri, Piazza, Giannini, Kame. All.: Bartalucci Rossano.
LASTRIGIANA: Marziano, Pierattini, Nencini G., Crini, Chiavacci, Borselli, Becagli F., Piccione (85′ Caparrini), Palaj (82′ Sarti), Morelli (75′ Nania), Mazzanti (77′ Del Colle). A disp.: Giannini, Guasti, Carfora, D’Alessandro, Marchi. All.: Gambadori Alessandro.
ARBITRO: Edoardo Bo di Livorno.
NOTE: spettatori circa 200. ammoniti Tipaldi (F), Chiavacci e Nencini (L). Al 92′ espulso Iaquinandi per proteste.

Succede davvero poco nel derby fiorentino al Bozzi. Grande agonismo, duelli fisici aspri nell’alta densità del centrocampo, qualche spigolosità, tiri in porta col contagocce. Lo 0-0 è la logica conseguenza, un punto ciascuno che muove la classifica in attesa di tempi migliori. Sulla panchina del Firenze Ovest siede Rossano Bartalucci, che ritrova la Lastrigiana dove è stato di casa per anni.
In apertura al 3’ un tiro di sinistro di Crini da venti metri, trova pronto alla parata il portiere Daddi. La replica di Bartolozzi, che conclude centralmente da fuori area, è bloccata da Marziano senza difficoltà. Al 13′ in evidenza Bourezza con gioco di gambe in area e cross, uscita sicura del portiere. Insidiosa la Lastrigiana al 27′ con punizione dalla trequarti di Chiavacci, uscita avventurosa di Daddi senza conseguenze, Al 35′ su corner di Iaquinandi, colpo di testa di Berti sul primo palo, palla fuori abbondante, Il tempo si chiude con uno spunto insistito di Morelli al 43′ che non si concretizza per la chiusura di Bartolozzi.
Nella ripresa al 50′ una rimessa lunga con le mani di Nencini è spizzata in area, poi va al tiro Palaj ribattuto da Tipaldi. Al 55′ Berti sguscia a Borselli sulla sinistra e dal fondo cerca la porta, chiude bene Nencini, e allontana Chiavacci. Al 67′ il nuovo entrato Failli anticipa il portiere in uscita e prende la traversa, ma era in fuorigioco. Al 71′ sugli sviluppi di un corner, Becagli colpisce al volo, tiro centrale senza problemi per Daddi.
Succede poco fino al termine. Nel recupero, al 93′ viene espulso Iaquinandi per proteste dopo episodio che sembra abbaglio dell’arbitro Edoardo Bo di Livorno. Su calcio d’angolo di Iaquinandi un difensore in area respinge verso la stessa bandierina del corner, Iaquinandi è ancora nei paraggi e riceve ma l’assistente Lorenzo Santaera di Pisa alza la bandierina per segnalare fuorigioco. Se, come è parso evidente a tutti, il tocco in area è della difesa, è un fuorigioco senza senso. Se ha toccato un attaccante, bravo l’assistente a notarlo. Peccato per Iaquinandi che non sarà disponibile come minimo nella prossima partita.

Edoardo Novelli

Pontassieve-Valentino Mazzola 1-3

PONTASSIEVE: Morandi, Serrotti, Giannelli S., Muho, Gabbrielli, Corsi, Meucci, Fantechi, Minischetti, Bianchi, Burberi. A disp.: Limentra, Fioravanti, Fani, Giannelli L., Salvadori, Pruneti, Pareggi, Batistini, Latini. All.: Brachi Marco
VALENTINO MAZZOLA: Florindi, De Luca, Gianneschi, Fabbrini, Bonechi, Silvestri, Cavallini, Cruciani, Pierangioli, Corsi, Baroni. A disp.: Cefariello, De Iorio Fe., Landozzi, Nassi, Majuri, Hoxhaj, Tozzi Fer., Begnardi, Alessi. All.: Argilli Stefano
ARBITRO: Klejvis Serbishti di Arezzo
RETI: 32′ Cavallini, 50′ Baroni, 71′ Pareggi, 95′ NassI
NOTE: ammonito Fantechi (P) poi espulso al 60′. Angoli 1-5. Recupero 3’+5′.

Il Mazzola si impone per 3 reti a 1 sul campo del Pontassieve, guadagnando la seconda vittoria consecutiva che vale il 2 posto in classifica.
Nei primi 7’ i biancocelesti creano due occasioni, ma in entrambe prima un difensore e poi Morandi deviano in calcio d’angolo.
Il Pontassieve si vede solamente al minuto 17 con un pericoloso cross di Serrotti sul quale nessun compagno arriva in tempo.
Alla mezz’ora di gioco buona occasione per Bonechi, tiro respinto da un difensore, che anticipa il gol del vantaggio ospite: un cross di Gianneschi pesca Cavallini a centro area che, con una forte rasoiata, fulmina Morandi per lo 0-1.
Un primo tempo piuttosto spento si chiude dopo tre minuti di recupero nei quali il Mazzola perde Corsi per infortunio.
Nella ripresa subito pericolosi i fiorentini con una girata aerea di Bianchi, terminata sul fondo, ma è ancora il Mazzola a trovare la via del gol: su corner il tiro al volo di Cavallini viene rimpallato all’interno dell’area piccola, il più lesto ad avventarsi sulla sfera è Baroni che segna il terzo gol consecutivo dopo la doppietta di sette giorni fa. Al 57’ palo clamoroso del Mazzola colpito da Landozzi, bravo a sfuggire alla difesa di casa e a presentarsi a tu per tu con Morandi. La sfera dopo aver colpito la parte interna del legno esce incredibilmente sul fondo.
All’ora di gioco piove sul bagnato per il Pontassieve: Fantechi, già ammonito, stende De Luca beccandosi il secondo giallo. Dopo settanta minuti Morandi serve disgraziatamente Cruciani che, a porta praticamente sguarnita, spedisce a lato. I locali pervengono comunque al gol dopo una grave incomprensione tra Fabbrini e Florindi, tra i due litiganti gode Pareggi che realizza il gol che riapre la contesa: siamo 1-2.
Il Pontassieve prova, in maniera disordinata, a gettarsi in avanti, scoprendo il fianco ai contropiedi del Mazzola. All’ 83’ un fallo di mano di Serrotti apparso clamoroso non viene fischiato, poco prima che Landozzi scheggi la traversa con l’ennesima conclusione in porta. All’ultimo respiro Morandi, nel tentativo di avviare rapidamente l’azione, sbaglia tutto servendo Nassi che appoggia a porta vuota la rete che chiude il match. Al triplice fischio è tripudio biancoceleste, che riscatta così la sconfitta patita contro il Pontassieve sei mesi fa, che costò l’esclusione dai play off. FONTE: Ufficio Stampa V. Mazzola

Rondinella Marzocco-Audax Rufina 0-1

Festa grande per la Rufina e il suo capitano Sequi

RONDINELLA MARZOCCO: Pecorai, Gorfini, Ricchi, Mazzolli, Ciardini, Bartalucci, Fantechi, Privitera, Cragno, Antongiovanni, Caparrini. A disp.: Sciatti, Falciani, Marangon, Giorgelli, Petri, Pecchioli T., Rosi, Cecchi, Ribeiro. All.: Francini Alessandro
AUDA. RUFINA: Valoriani, Sequi, Fumelli, Maccari, Galantini, Grazzini, Ferretti, Somigli M., Di Vico, Falugiani, Falcini. A disp.: Lanzini, Poggiali, Ballini, Castri, Somigli C., Bronzini, Tanini, Cicalini, Bianchi. All.: Diotaiuti Niccolo
ARBITRO: Margherita Fioravanti di Firenze
RETI: 93′ Sequi.

Nel 2022 in Promozione fu un playoff amaro per la Rufina, eliminata dalla Rondinella che poi raggiunse l’Eccellenza. La Rufina ci arriva con un anno di ritardo e si prende la rivincita sui biancorossi, battuti nel recupero da un guizzo del capitano, l’esterno basso Sequi. Proprio sul precedente dei playoff si sofferma mister Niccolò Diotaiuti sulla pagina FB dell’Audax Rufina: “È stata una partita durissima,molto tattica , contro una signora squadra, diciamo che ci siamo presi una piccola rinvincita per la finale playoff di 2 anni fa, la strada è lunghissima,ma la gioia di vincere al 92′ con con gol del capitano non ha eguali”. Soddisfatto anche il d.s. Matteo Innocenti che così si esprime all’Almanacco: ” E’ giusto che i ragazzi si godano la vittoria, perchè stanno lavorando bene, ma siamo solo all’inizio e non dobbiamo mai scordarci che ci sono ancora tanti punti da fare. Ad oggi il nostro obiettivo dista 31 punti”.
Il mister della Rondinella Alessandro Francini non nasconde all’Almanacco la sua amarezza: “E’ stata una partita bloccata, abbiamo provato a vincerla senza però creare grosse occasioni, loro erano coperti col 4-5-1, hanno difeso bene, ci aspettavano a specchio cercando di colpire in contropiede. Posso avanzare qualche dubbio per il gol annullato a Cragno dopo 2′, e recriminare su un’occasione fallita da Gorfini nel primo tempo e su un’altra opportunità di testa con Rosi nella ripresa. Siamo una squadra solida, magari ancora macchinosa nella manovra, ma ci fanno gol nei finali e spesso al primo tiro, non ricordo parate del nostro portiere Pecorai nè in questa nè in altre partite. Nell’ultima 3′ minuti di recupero, corner per la Rufina quando manca una manciata di secondi, palla in mezzo, gol e fine partita, il calcio è così”.

Redazione Almanacco

Scandicci-Castiglionese A.s.d. 0-1

SCANDICCI: Lampignano, Lastrucci, Dodaro, Frascadore, Menini, Ferrmaca, Sinisgallo, Grillo, Del Pela, Vezzi, Poli. A disp.: Masini, Liberati, Daka, Corsi, Piochi, Cenni, Alfani, Ammannati, Giacomantonio. All.: Fattori Andrea
CASTIGLIONESE A.S.D.: Ubirti, Cecci, Giorgi, Mbounga Kameni, Menchetti, Menci R., Castaldo, Minocci, Falomi, Ricci M., Borghesi. A disp.: Conti F., Viciani, Meoni, Tacchini, Pernici, Imparato, Capogna, Talladira, Barboncini. All.: Fani Roberto
ARBITRO: Federico Cremone di Pisa
RETI: 73′ Menchetti

Un ottimo Scandicci cade al Bartolozzi contro la Castiglionese nello scontro diretto al vertice. Una partita ben giocata da parte dei Blues, con un incrocio dei pali colpito e due gol annullati, ma alla fine a vincere sono gli aretini grazie ad un gol sugli sviluppi di corner.
A metà primo tempo l’ex Ubirti salva su colpo di testa di Del Pela, poi è bravo Frascadore a murare un tiro di Castaldo. Dopo un’altra occasione per Del Pela, Vezzi trova la rete ma viene annullata per fuorigioco. Il primo tempo si chiude con una bella iniziativa di Poli che trova però la smanacciata del portiere.
Nella ripresa lo Scandicci continua ad attaccare ed alza i giri del motore. Al 10′ Grillo va al tiro a giro ma trova la grande risposta di Ubirti. Sul corner seguente uno schema porta al tiro Vezzi: girata perfetta di mancino, ma palla che si stampa sull’incrocio dei pali; sul rimpallo Lastrucci viene murato al tiro, la palla si impenna e la palla entra in rete, ma l’arbitro ravvisa un fallo di Del Pela sul portiere e il gol viene annullato.
Due minuti più tardi Grillo ancora a giro tira alto, mentre al 18′ ancora Grillo chiama il portiere alla super parata. Così a passare in vantaggio sono gli ospiti con Menchetti, che di testa da azione d’angolo fa 0-1 al 28′.
Lo Scandicci continua ad attaccare a testa bassa, Lampignano salva su Ricci e i Blues sono pericolosi con Giacomantonio e ancora Vezzi, ma la palla non entra. Mercoledì per lo Scandicci è in programma il turno di Coppa Italia al Bartolozzi (ore 20.30) contro la Fortis Juventus. FONTE: Pagina FB Scandicci 1908

Queste invece le dichiarazioni di Daniele Menchetti, autore del gol, sulla pagina FB U.S. Castiglionese: “E’ una grande vittoria su un campo duro, dopo una partita tesa, fra due squadre che hanno dato tutto”.

Sinalunghese-Fortis Juventus 1-0

SINALUNGHESE: Marini, Canapini, Tiberi, Salvestroni, Ferrante, Celestini, Bardelli, Viligiardi, Iasparrone, Bucaletti, Bencini. A disp.: Riccio, Corsetti, Ghini, Della Lena, Cicali, Andrada Dutra, Ajdini, Pinsuti, Landi. All.: Pezzatini Iuri
FORTIS JUVENTUS: Morandi, Zoppi, Marucelli, Noferi, Salvadori, Gurioli, Baggiani L., Serotti, Oitana, Torricelli, Parrini. A disp.: Daddi, Fabbri, Maliqaj, Nicolosi, Bettoni, Paterno, Munno, Campagna, Mearini. All.: Magera Nicola
ARBITRO: Andrea Fanciullacci di Savona
RETI: 71′ Bucaletti

Vittoria che porta morale e punti in casa della Sinalunghese che supera la Fortis juventus Borgo San Lorenzo con un bel gol di Bucaletti al 72′.
Pezzatini schiera dal primo minuto una formazione giovanissima con età media 22 anni complice l’assenza per squalifica del veterano Ibojo e alcuni infortuni di altri giocatori esperti.
I primi 20 minuti vedono gli ospiti più intraprendenti e i ragazzi di Pezzatini bloccati, poi è Bucaletti al 26′ a suonare la carica quando da posizione defilata tira un pallone a rientrare che sfiora l’incrocio dei pali.
É il segnale che apre la mente e il cuore dei rossoblu che si sbloccano e iniziano a giocare.
Al 36′ Bencini gira di testa e colpisce la traversa, sulla respinta del legno la palla giunge a Viligiardi a pochi metri dalla porta, che viene vistosamente strattonato e messo a terra. L’arbitro non concede il rigore.
Finisce 0 a 0 il primo tempo ma la partita sembra aver preso la via favorevole ai locali.
Nella ripresa la Fortis non riesce più a fare guico e i sinalunghesi non rischiano più nulla ma per sboccare la gara serve l’entrata in campo al 68′ di Cicali che alza il baricentro rossoblu e la palla inizia a stazionare nella metà campo ospite.
Dopo in paio di occasioni non finalizzate da Bencini e Bucaletti, al 72′ Cicali serve un cioccolatino al numero 10 rossoblu che tira a mezza altezza a fil di palo, il portiere ospite riesce a deviare la sfera sul legno ma questa poi rotola all’interno della porta per il meritato 1 a 0.
Da questo punto è un monologo sinalunghese con Viligiardi, Bencuni e Bucaletti che non trovano la via del secondo gol con azioni che vedono Cicali protagonista.
All’84’ il guardalinee ferma Bencini lanciato a rete a campo libero per un fuorigioco quantomeno dubbio e la gara finisce con il minimo scarto.
Grande soddisfazione in casa rossoblu per questa vittoria fortemente cercata da tutto il popolo rossoblu. Migliori in campo per i locali Ferrante e Celestini, determinante Cicali. Per gli ospiti interessante il n. 9 argentino Oitana in una gara che gli ha riservato pochi palloni giocabili. Sufficiente l’arbitraggio poco supportato dagli assistenti. FONTE: Ufficio Stampa Sinalunghese

Terranuova Traiana-Siena Fc 1-1

TERRANUOVA TRAIANA (4-2-3-1): Fedele, Minatti (28′ s.t. Cappelli), Petrioli (38′ s.t. Arnetoli), Cioce, Saitta, Bega, Mannella (31′ s.t. Redi), Massai, Ceppodomo (15 s.t. Taflaj), Marini, Sacconi. A disp: Antonielli, Sepe, Yanken, Masci, Viganò. Allenatore: Marco Becattini
SIENA (4-3-1-2): Giusti; Morosi (21′ s.t. Pagani), Biancon (28′ s.t. Achy), Cavallari, Bertelli (30′ s.t. Agostinone); Bianchi, Lollo, Cristiani ( 21′ s.t. Hagbe); Masini; Galligani, Boccardi ( 21 s.t. Granado). In panchina: Di Fusco, Musaj, Ivan, Ravanelli. Allenatore: Lamberto Magrini.
ARBITRO: Chindamo sez. Como, (1^ ass. Gallà di Pistoia, 2^ ass. Cipriani di Firenze).
NOTE: Espulsi: Magrini (S), Hagbe (S). Ammoniti: Cavallari (S), Bianchi (S), Minatti (T), Sacconi (T), Bertelli (S), Agostinone (S), Kaflaj (T), Angoli: 6-10, Recupero: 2′ p.t., 5′ s.t.
RETI: Biancon 9′ s.t., Sacconi 12′ s.t.

Il Siena torna con un punto da Terranuova Bracciolini. Nella gara del Matteini, apparsa fin dalle prime battute molto equilibrata, la Robur si porta in vantaggio grazie al gol di testa di Biancon, subito pareggiato dal gol in scivolata di Sacconi. Espulsi sia mister Magrini che il centrocampista Hagbe.
Nel primo tempo al quarto d’ora ammonito Cavallari, che ferma con una trattenuta un avversario bloccando la ripartenza del Terranuova Traiana.
Buon ritmo in questa prima fase, con azioni offensive da una parte e dall’altra, ma ancora nessuna vera occasione da gol.
Si fa vivo il Terranuova Traiana, che al 23′ crossa in area con Marini: il cross del centrocampista non trova però nessuna deviazione e finisce sul fondo. Al 35′ buona chance per a Robur: Biancon innesca Boccardi a tu per tu con Fedele, ma era tutto fermo per fuorigioco. Subito dopo la risposta del Terranuova con Marini, che però calcia a lato. Al 41′ si accende un parapiglia tra le due panchine a seguito di un contatto in area di rigore del Siena, espulsi sia mister Magrini che un collaboratore tecnico del Terranuova Traiana.
Nella ripresa al 49′ calcio d’angolo di Cioce che trova Bega, il giocatore biancorosso però spedisce fuori da buona posizione. 
La sblocca la Robur: al 54′ segna di testa Biancon su uno splendido cross dal limite dell’area di Galligani. 
Pareggia subito il Terranuova Traiana con Sacconi, che al 58′ è bravo a insaccare in scivolata un passaggio di Marini.
Subito pericoloso Granado: l’attaccante brasiliano stacca di testa in piena area, ma il suo tiro viene parato, sulla ribattuta si avventa Masini, che viene anticipato. Al 70′ calcio d’angolo per il Terranuova Traiana, ma Massai di testa trova l’esterno della rete. All’81’, sugli sviluppi di un corner, Cavallari colpisce il palo da distanza abbastanza ravvicinata. Kaflaj calcia dalla trequarti, attento Giusti che spedisce in angolo
Punizione da buona posizione per il Terranuova, ma Kaflaj calcia sulla barriera. Al 94′ espulso anche Hagbe per un fallo di reazione a centrocampo. Si resta sull’1-1. FONTE: gazzettadisiena.it


A questo link le rose delle squadre di serie D Girone D e serie D Girone E

Trovi qui per le rose del Girone A di Eccellenza
 
Trovi qui per le rose del Girone B di Eccellenza

Ecco le rose di Promozione Girone AGirone B e Girone C

Scarica ora la nuova App dell’Almanacco del Calcio Toscano

Clicca qui per ordinare il nuovo Almanacco del Calcio Toscano 2023

Guarda qui il nostro canale YouTube