a
  • No products in the cart.

Eccellenza – Le cronache dei big-match di oggi domenica 27 febbraio

Domenica della Categoria Regina spalmata fra sabato e domenica: nel Girone A il Tau saluta la compagnia e se ne va; nel B il Livorno si salva al 95’ e allunga sulla Cuoiopelli; nel C tutti pareggi per le prima della classe. Ecco le cronache dei match più interessanti della domenica:

ECCELLENZA Girone A – Giornata 15
Castelnuovo G.-River Pieve (sabato) 2-1

Lastrigiana-Camaiore 0-2
LASTRIGIANA: Fedele, Barzini (79° Querci), D Angelo, Lenzini, Calonaci, Biondi, Terzani (55° Francini), Crini (66° Cossari), Silva Reis, Alecce (10) (72° Calvetti), Bianchi. A disp.: Giannini T., Borgioli, Bianchi, Pierattini, Fallani. All.: Bartalucci Rossano
CAMAIORE: Vozza, Orlandi, D Alessandro, Ricci, Arnaldi, Verdi, Da Pozzo, Biagini, Raffi, D Antongiovanni (50° Viola), Geraci (86° Signorini). A disp.: Mariani, Biasci, Brizzi, Crecchi, Dell Amico, Tabarrani, Posenato. All.: Bracaloni Riccardo
ARBITRO: Luca Rosini di Livorno
RETI: 58° Da Pozzo, 65° Geraci
NOTE: Espulso Viola per doppia ammonizione al 68’. Ammoniti Lenzini, Biondi, Cossari, Ricci. Angoli 3-1. Recupero 2’+4’.
Meritato successo del Camaiore che, dopo due sconfitte di fila (entrambe però con rimpianti), si rilancia in zona play-off e infligge la prima sconfitta dell’anno alla Lastrigiana. La squadra di Bartalucci paga la continua emergenza, viste le assenze di Del Pela, Leoncini e Corradi, e la scarsa profondità della rosa. La cronaca. Al 9’ cross di Ricci per Raffi che di testa mette di poco sopra la traversa. Poco dopo Biagini serve ancora Raffo che da fuori area mette alto il destro. I biancorossi rispondono con una punizione di Lenzini che finisce alta sopra la traversa. Poi due tentativi su calcio da fermo di Biagini: al 22’ e al 24’. Al 41’ la migliore occasione per la Lastrigiana: assist di Silva Reis in piena area di rigore per Alecce, murato alla prima occasione e poi è miracoloso Vozza sul secondo tentativo. Al 45’ Raffi serve Orlandi, il cui destro in piena area di rigore è alto. Nella ripresa il Camaiore perde subito capitan D’Antongiovanni, alza Da Pozzo nel ruolo di trequartista ed è la mossa tattica che decide il match. Dopo una punizione di Biagini, con Fedele che risponde bene in tuffo, ecco il vantaggio: incursione di Da Pozzo che trova uno splendido diagonale a incrociare per lo 0-1. Passano 7 minuti e lo splendido assist di Da Pozzo lancia Geraci il cui fendente colpisce il palo e termina la corsa in rete per la rete che lo lascia solo in testa alla classifica marcatori. Il Camaiore resta poi in dieci perché Viola, da poco entrato dopo il “giallo” per fallo di mano, commette un netto e ingenuo fallo da dietro: secondo cartellino ed espulsione corretta. Ma la Lastra ha le idee annebbiate quest’oggi e si fa vedere solo al 40’: angolo di Lenzini da destra, D’Angelo di testa non riesce a schiacciare. Finisce quindi 0-2 e il Tau saluta e se ne va…

MassesePrato 2000 0-1
MASSESE: Barsottini, Bennati (80’ Borghini), Battistoni, Lucaccini R., Rudi, Cartano, Manfredi F. (68’ Bonini L.), Fall (75’ Turini), Franzese, Papi, Bonini M. (57’ Dell’Amico). A disp.: Leone, Lezza, Bonati, Barattini, Alberti. All.: Franchini Roberto
PRATO 2000: Brunelli, Zinna, Testaguzza, Ndou, Mazzanti, Ghidotti, Baroncelli, Servillo, Mearini, Safina, Dingozi (78’ Algerino). A disp.: Pellegrini, Proietto, Rosselli, Franchini, Giusti, Kowalski, Rozzi, Liscio. All.: Settesoldi Simone
ARBITRO: Luca Barone di Pisa
RETI: 69° Baroncelli
NOTE: Ammoniti Fall, Mazzanti, Safina, Baroncelli, Cartano, Franzese, Dell’Amico.
Seconda sconfitta di fila per la Massese. I bianconeri hanno fatto vedere buone cose nel primo tempo, sbagliando un calcio di rigore con Papi. Nella ripresa la condizione fisica dei pratesi si è fatta sentire e alla fine ha prevalso. I punti di distacco dalla zona play-out rimangono sette. Massese in campo con il classico completo con maglia bianconera e pantaloncini neri; Prato 2000 in completo rosso. Primo tiro della partita per il Prato 2000. Dingozi riceve sulla sinistra, punta Bennati e lascia partire la conclusione che finisce alta sopra la porta di Barsottini. Molto pericoloso ancora il Prato 2000 con Mearini che viene liberato magistralmente con un’imbucata da biliardo. Il numero 9 dei toscani però non riesce a concludere convinto e il suo diagonale sinistro si spegne tra le braccia di un sicuro Barsottini. Al 24’ rigore per la Massese. Bonini scappa sulla sinistra mostrando una grande progressione. Una volta entrato in area, Zinna lo atterra molto ingenuamente. L’arbitro Barone non ha dubbi e indica subito il dischetto. Papi però sbaglia il calcio di rigore. Il fantasista bianconero si fa ipnotizzare da Brunelli che neutralizza la conclusione dagli undici metri intuendo la direzione alla sua destra. La Massese, nonostante il rigore sbagliato, ha preso coraggio e sfiora il gol dell’1-0 con un indiavolato Bonini Mattia. Il numero 11 bianconero stoppa col petto in area di rigore e si gira al volo col sinistro. Brunelli respinge il tiro, riuscendo anche a mettere fuorigioco bonber Franzese, subito in agguato. Al 65′ Calcio di rigore per il Prato 2000. Sugli sviluppi di un corner battuto teso sul primo palo da Servillo, Cartano allarga il braccio e colpisce il pallone. L’arbitro non ha dubbi e assegna il tiro dal dischetto ammonendo il centrale bianconero. Ma anche in questo caso il portiere Barsottini para il rigore! Mearini apre il piattone destro ma la sua conclusione a mezza altezza viene respinta dal portierone bianconero. Secondo rigore parato nella giornata. Ma il Prato 2000 passa lo stesso poco dopo: dagli sviluppi di una rimessa laterale, Baroncelli prende palla sul vertice sinistro dell’area di rigore e libera un grande diagonale di destro che va ad insaccarsi alle spalle di Barsottini. Al 74′ veementi proteste della Massese per un presunto fallo di mano in area di rigore del Prato 2000 su un cross di Papi. (FONTE: voceapauana.com)

San Marco Avenza-Signa 4-1
SAN MARCO AVENZA: Cacchioli, De Angeli, Baeza Rosales, Raffo (82’ Sparaciari), Mosti S., Zuccarelli, Viti, Montecalvo, Bruzzi, Pedrazzi (65’ Pinelli), Mancini (70’ Buffa). A disp.: Azioni, Mazzei, Michelotti, Tornari, Doretti, Granai. All.: Della Bona.
SIGNA: Sannino, Nencini (73’ Gemignani M.), Capochiani, Diakhate (73’ Alesso), Tempestini (80’ Dallai), Gemignani F., Munno (73’ Mariani), Ficarra, Tempesti, Coppola A., Rosi (83’ Flachi). A disp.: Daddi L., Dodaro, Mosca, Giuliani. All.: Cristiani.
ARBITRO: Bassetti di Lucca
RETI: 41’ Tempesti, 44’ rig. e 73’ rig. e 90’ Bruzzi, 76’ Viti
NOTE: Ammoniti Raffo, Viti, Gemignani F., Sannino.
Un grande San Marco Avenza serve il poker al Signa e vola in classifica. Protagonista indiscusso del match andato in scena ieri pomeriggio al Centro Sportivo “Paolo Deste” di Carrara è stato indubbiamente il bomber Elia Bruzzi, autore di una tripletta su calci piazzati. Per i rossoblu di mister Della Bona si tratta della terza vittoria consecutiva, nove punti in due settimane che li allontanano dalla zona pericolosa e portano i rossoblu verso altri orizzonti. La gara si apre subito con un gol per i padroni di casa dopo solamente un minuto ad opera di Mancini, sorpreso però in fuorigioco. Al 10′ è Cacchioli che si oppone bene ad un tiro di Diakhate. Al 17’invece è un colpo di testa di Zuccarelli a far tremare gli ospiti del Signa, conclusione parata senza troppi pericoli da Sannino. Al 41′ il Signa passa in vantaggio con Tempesti, il quale, in mischia, riesce a fiondarsi per primo sul pallone e ad insaccare la rete.Ma passa solo un minuto e Montecalvo viene atterrato in area. Calcio di rigore su cui si presenta Bruzzi, che trasforma in gol spiazzando il portiere ospite. Termina così la prima frazione di gioco, nella ripresa al 28′ ancora un penalty per i rossoblu per ingenuo fallo del portiere ospite su un suo rinvio errato ed ancora Bruzzi ad infilare dagli 11 metri per il vantaggio avenzino. Passano solo tre minuti ed uno splendido gol di Viti porta i rossoblu sul risultato di3-1. Ma non è finita qui! Sul finale di gara ci pensa ancora una volta Bruzzi, al 90′, su calco di punizione, pallone diretto all’incrocio dei pali a calare il poker ed a regalare alla San Marco tre punti al platino.Inutile anche soffermarsi troppo a pensare al premio di migliore in campo per questa partita che ha avuto un solo protagonista: Elia Bruzzi.

Tau Altopascio-Pontremolese 6-0

Vald.Montecatini-Zenith Prato (sabato) 2-4

ECCELLENZA Girone B – Giornata 17
Armando Picchi-Atletico Piombino (sabato) 6-3

Atletico Cenaia-Livorno 1-1
ATL.CENAIA  (3-5-2): Serafini; Signorini, Fariello, Malara; M. Rossi, Puccini, Freschi, Arapi (75’ G. Rossi), Papini; Remedi (89’ Fornaciari), Cutroneo. A disp.: Simoncini, Cecchetti, Tammaro, Carlucci, Matteoli, Degli Esposti, Cosi. All.: Macelloni
LIVORNO (4-2-3-1): Mazzoni; Palmiero (71’ Giuliani), Giampà, Russo, Franzoni; Luci, Gargiulo (77’ Apolloni); Pecchia (71’ Petronelli), Bellazzini (46′ Durante), Frati (55′ Torromino); Vantaggiato. A disp.: Pulidori, Panebianco, Ghinassi, Gelsi. All.: Buglio
ARBITRO: Stefano Re Depaolini di Legnano
RETI: 37’ Puccini, 95’ Vantaggiato.
NOTE: Ammoniti Fariello, Giampà, Serafini, Torromino, Giuliani, Puccini. Recuperi 0’+5′
All’ultimo tuffo. Il Livorno al “Masini” di Santa Croce evita la sconfitta contro il Cenaia solo al 95’ grazie a una punizione magistrale di Daniele Vantaggiato. Una rete che consente agli amaranto di pareggiare il vantaggio dei padroni di casa, maturato nel primo tempo grazie alla rete di Puccini, e di allungare ancora sulla Cuoiopelli, sconfitta 2-0 a Certaldo. Formazioni. Buglio, che deve rinunciare all’infortunato Ferretti, ripropone Bellazzini e Gargiulo titolari. In attacco c’è Vantaggiato ma non Torromino che parte dalla panchina dove si accomoda anche Apolloni. Il Cenaia, reduce dalla finale di Coppa persa contro la Fortis Juventus, si dispone con il 3-5-2. Il primo tempo è bruttino, il Cenaia imbriglia abbastanza agevolmente gli amaranto che si rendono pericolosi solo con due tentativi di Frati nel giro di un minuto a metà frazione. Ma il Cenaia non sta a guardare: prima si divora il vantaggio con Cutroneo e poi lo concretizza con Puccini bravo ad approfittare di una disattenzione della difesa amaranto e a bucare Mazzoni con un diagonale preciso. Pronti, via e al ritorno in campo il Livorno rischia subito di capitolare di nuovo, provvidenziale Luca Mazzoni sulla conclusione di Puccini. Il pericolo corso scuote gli amaranto che sono anche sfortunati, un tiro violentissimo di Vantaggiato fa tremare la traversa. La partita diventa vibrante con le squadre che non si risparmiano: al 18’ Mazzoni è prodigioso sul colpo di testa Fariello ma cinque minuti più tardi è il suo collega Serafini a guadagnarsi la pagnotta su Torromino, subentrato poco prima per Frati, e graziato sulla ribattuta da Durante che a porta vuota spedisce incredibilmente a lato. Ma quando tutto sembra perduto, all’ultimo tentativo, Vantaggiato fa centro. La sua punizione dal limite è semplicemente perfetta e si infila all’incrocio dei pali, fuori dalla portata di Serafini. Il Livorno si salva e conquista un faticoso, ma tutto sommato meritato pareggio, il Cenaia mastica amarissimo. Il “Masini” si conferma impianto decisamente non amico dei colori amaranto, per il Livorno nessuna vittoria e tre pari a Santa Croce quest’anno. Ma quello di oggi, probabilmente, per come si era messa, è quello decisamente meno indigesto. Il Livorno allunga di un punticino sulla Cuoiopelli ma è chiaro che, dopo il pari a Fucecchio e la striminzita vittoria col Picchi, non può bastare. Serve di più, come hanno ricordato a gran voce a fine gara ai giocatori accorsi sotto il settore i circa 300 tifosi livornesi al seguito. (FONTE: amaranta.it)

Castelfiorentino-Ponsacco 0-0

Certaldo-Cuoiopelli 2-1
CERTALDO: Orsini, Orsucci, Vecchiarelli, Pampalone, Olivieri, Razzanelli, Adelucci, Bernardini, Baccini, Nuti, Kouko. A disp.: Di Furia, Biagini, Igbineweka, Bandini, Zanaj, Corsi, Volpini, Dini, Martini. All.: Alberto Ramerini
CUOIOPELLI: Lampignano, Iannello, Accardo, Balduini, Zocco, Giordano, Cornacchia, Borselli, Falchini, Cavallini, Bracci. A disp.: Lensi, Conti, Dal Poggetto, Boghean, Passerotti, Bagnoli, Martini, Rossi, Baroncini. All.: Roberto Falivena.
ARBITRO: Alessio di Enna, coad. da Luzi e Scanu di Valdarno.
RETI: 23° Kouko, 63° rig. Baccini, 94° Cavallini
NOTE: Ammoniti Borselli, Olivieri.
Grande vittoria del Certaldo nel primo incontro tra le mura amiche del 2022. Contro il Cuoiopelli, i viola danno vita ad un match spettacolare terminato con il successo di 2-1, dopo aver dominato in largo e in lungo per gran parte dell’incontro. I padroni di casa approcciano il match nel modo giusto. I primi minuti, sono tutti di marca viola, con tante palle in verticale alla ricerca dei movimenti di Baccini e Kouko. Al 3′, prima occasione per gli ospiti. Cavallini serve Cornacchia che prova la conclusione dalla lunga distanza. Sfera altissima. Al 7′ grande occasione su angolo per il Certaldo. Bernardini calcia direttamente in porta e sfiora il gol olimpico per una questione di centimetri. Al 13′, grande ripartenza del Certaldo orchestrata da Adelucci che serve Nuti sull’inserimento. Il numero 10 viola calcia di prima intenzione con il piede più debole, Lampignano blocca senza problemi. Al 18′, occasione Cuoiopelli. Grande incursione di Cornacchia che entra in area in progressione e calcia. Orsini con un grande intervento sventa la minaccia. Non passa neanche un giro d’orologio, e si fa vedere il Certaldo dalle parti di Lampignano. Adelucci scende sulla destra e mette al centro un traversone teso. Kouko, non arriva sulla sfera per una questione di centimetri. Al 22′ il Certaldo passa in vantaggio. Gran movimento di Baccini che si libera in area e mette al centro per Kouko. Il numero 11 viola da pochi passi deve solamente spingere la sfera in porta. La ripresa inizia su note viola. Adelucci apre il campo per Vecchiarelli che serve Baccini in profondità. Il numero 9 certaldese viene però bloccato dalla retroguardia bianco rossa. Al 51′, contropiede del Certaldo. Baccini controlla la sfera e apre per Vecchiarelli. Conclusione centrale, Lampignano blocca senza preoccupazioni. Forte del vantaggio, il Certaldo ricerca con insistenza il possesso palla per poi cercare i due terminali offensivi. Al 61′ Baccini se ne va sulla destra e viene steso in area da un difensore bianco rosso. Il direttore di gara decreta il penalty a favore dei padroni di casa. Dagli undici metri, Baccini spiazza Lampignano e porta il Certaldo sul 2-0. All’81’, Falchini viene servito sul filo del fuorigioco, ma sulla sua conclusione mancina, è prodigioso l’intervento in uscita di Orsini che evita il peggio per i ragazzi di Ramerini. Nel recupero, arriva il gol del Cuoiopelli grazie ad una conclusione dalla distanza di Cavallini, che fissa il risultato sul 2-1. (FONTE: sito ufficiale Certaldo)

Fratres Perignano-San Miniato Basso 0-2

Fucecchio-Colligiana 0-0
FUCECCHIO: Ubirti, Nardi, Casanova, Falaschi (76’ Bulli), Lischi, La Rosa, Masoni F. (71’ Petova), Marcon, Carnevale, Zefi, Morelli.A disp.: Mannucci, Carli, Giometti, Papa, Cenci, Sene, Falconi. All.: Gabriele Lazzerini
COLLIGIANA: Chiarugi, Logi, Ciardini, Pietrobattista, Bianchi, Tognarelli, Sitzia, Liberto (79’ Soumah), Mugnai, Cianciolo (86’ Milanesi), Cito. A disp.: Petrucci, Cirasella, Torricelli, Valci, Bartalini, Finetti. All.: Alessandro Deri
ARBITRO: Leonardo Buchignani di Livorno; ass.ti: Gianluca Stella di Grosseto e Fabio Cerofolini di Arezzo
NOTE: Ammoniti Pietrobattista, Masoni. Espulso al 40’ Mugnai per doppia ammonizione.
La Colligiana esce dal “Filippo Corsini” di Fucecchio con un pareggio a reti inviolate, nonostante abbia disputato buona parte della gara in inferiorità numerica per l’espulsione di Mugnai al 40’ del primo tempo. La gara è stata giocata con un clima rigido ed è stata disturbata dal vento. Poche le occasioni da rete da ambo le parti. Al 38’ Morelli coglie il palo della porta difesa da Chiarugi, ma l’azione è viziata da fuori gioco e il direttore di gara interrompe il gioco. Al 40’ Mugnai, dopo il secondo cartellino giallo, fa rientro anzitempo negli spogliatoi; Colligiana in dieci. La ripresa, al secondo minuto, inizia con la rete di Logi che però viene annullata per un fuori gioco quantomeno dubbio. Il Fucecchio risponde al nono con Morelli, Chiarugi para d’istinto ma Morelli però commette fallo in attacco e l’arbitro interrompe il gioco. Al 16’ dopo la deviazione di Chiarugi la palla arriva a Carnevale, ben appostato, ma Ciardini libera. Al 36’ è ancora bravo Chiarugi sulla conclusione di Casanova. (FONTE: colligiana calcio.it)

ECCELLENZA Girone C – Giornata 15 ore 14.30
Antella-Terranuova Traiana 0-0

Figline-Porta Romana 1-1

Firenze Ovest-Baldaccio Bruni 3-0

Fortis Juventus-Foiano 0-0
FORTIS JUVENTUS: Allegranti, Zoppi L., Bianchi M., Petrucci, Marucelli, Gurioli, Costa, Gori Matt, Guidotti, Serotti, Steccato (9). A disp.: Gherardi, Calzolai G., Bonifazi, Giovannini, Cassai, Kuka, Fofi . All.: Chini Giacomo
FOIANO: Bettoni, Nocentini, Vichi F., Bruschi, Travaglini, Rescigno (17), Manu Solomon, Monaci, Pareggi, Tenti, Pavani. A disp.: Sanarelli, Di Mambro, Rossi, Romani, Catalano, Carrano, Prato, Mostacci, Verdelli (8). All.: Zacchei Filippo
ARBITRO: Alessandro Niccolai di Pistoia
Dopo i bagordi di Coppa la Fortis frena in campionato e perde l’occasione di accorciare le distanze dalla vetta. Gara condizionata dal vento e risultati a reti bianche che appaga gli ospiti di neo mister Zacchei. I locali ci hanno provato con impegno e atteggiamento propositivo, ma chiamando in causa raramente l’estremo ospite Bettoni. L’inizio del match sorride agli ospiti che sfiorano la segnatura con Pavani e Rescigno poi la Fortis sale di tono. Costa è il più ispirato del reparto d’attacco ma la mira di Steccato non è quella dei giorni migliori. Serotti e compagni guadagnano metri e una quantità dozzinale di corner ma la retroguardia ospite se la cava sempre. Gli ingressi di Fofi, Bonifazi e Cassai non incidono a sufficienza, la tattica ostruzionistica ospite e la stanchezza fisica e mentale post coppa non permette alla Fortis di arrivare a quel “golletto ” che la proietterebbe a ridosso del Figline. Dopo sette minuti di recupero è 0-0 ma niente mugugni e recriminazioni. Solo applausi per questo gruppo che, grazie ad un lavoro e ad un impegno quotidiano “sopra le righe” ha permesso di arricchire la bacheca con uno splendido trofeo che resterà negli annali. Inoltre con il rientro di Barbero, Bruni, Gualandi e Mazzolli la Fortis avrà ancora più soluzioni per un finale di stagione su due fronti ancora tutto da scrivere. In conclusione, la società mugellana abbraccia e ringrazia la famiglia Bambi che presenziando al pre-gara ha nobilitato una “domenica qualunque”, una di quelle domeniche che Mauro avrebbe trascorso “commentando e argomentando” in maniera competente e mai banale sugli spalti del Romanelli. Ciao Mauro.

Grassina-Chiantigiana (sabato) 2-1

Sinalunghese-Pontassieve 1-0

Scarica ora la nuova App dell’Almanacco del Calcio Toscano

Ordina qui il nuovo Almanacco del Calcio Toscano 2021