app almanacco

Serie D Girone E - Le cronache di oggi

Settima giornata di campionato e la classifica inizia a prendere una sua fisionomia più precisa: il Monterosi balza in testa vincendo il big-match, Indiani debutta sulla panchina del Follonica Gavorrano mentre lo Scandicci risale ancora la classifica e il Ponsacco cade di nuovo fuori casa. Ecco le cronache dei match più interessanti della domenica:

Follonica Gavorrano-Aglianese 2-2
Il Follonica Gavorrano acciuffa il pareggio casalingo, al Malservisi Matteini, contro l’Aglianese (2-2) al settimo minuto di recupero, al termine di una partita dalle mille emozioni. I ragazzi allenati dal debuttante Paolo Indiani hanno messo in piedi una gara tutta cuore, producendo tantissimo (ben 29 i cross messi in mezzo all’area), specialmente nella seconda frazione di gioco, ma non sono riusciti a conquistare il risultato pieno per la qualità dell’avversario ma anche per alcuni errori difensivi che hanno permesso agli ospiti di andare due volte a segno. L’Aglianese, che ha chiuso la partita con due uomini in meno per il doppio giallo a Di Vito e Panelli, ha confermato di essere una formazione di buona qualità e con il suo gioco veloce e aggressivo ha messo spesso in difficoltà la retroguardia locale. I biancorossoblù, che hanno potuto contare sulla concretezza di Grifoni, Lombardi, ma anche sulla vivacità di Lepri, hanno disputato una buona partita, ma nelle prossime settimane servirà un ulteriore cambio di marcia per tornare al più presto nei quartieri nobili della classifica e guadagnarsi soddisfazioni che la squadra sicuramente merita. La cronaca. Al 4’ doppio tentativo dell’Aglianese: prima Malotti spara in porta da poco dentro l’area ma Wroblewski respinge in angolo. Sul corner svetta di testa Del Colle ma il portiere maremmano para. Al 5’ un angolo di Lombardi taglia l’area senza che nessuno riesca a deviarla in rete. Al 9’ slalom di Lombardi in area ma il suo sinistro viene respinto da Bacci. All’11’ Grifoni tira troppo centralmente per impensierire Bacci sul servizio di Dell’Aquila. Brivido al 14’ per la porta del Follonica Gavorrano: Vanni trova spazio in una difesa non perfetta in questa circostanza, il tiro non viene trattenuto da Wrobleski ma fortunatamente la palla finisce sul palo e va in corner. Al 16’ tiro di Di Vito sopra la traversa. Al 18’ Lepri aggancia una palla non facile, ma la difesa riesce a neutralizzare il cross indirizzato a Vanni. Al 21’ l’Aglianese passa in vantaggio: Malotti crossa a destra per l’accorrente Rosati che batte a colpo sicuro, anticipando Bruni e infilando la palla alla sinistra di Wroblewski. Al 31’ tiro alto di Del Colle. Al 32’ la punizione dalla trequarti di Lombardi trova Bruni sistemato in mezzo all’area: il colpo di testa del centrale finisce però alto. Al 37’ tiro ad uscire di Di Vito. Nel finale di primo tempo cresce il Follonica Gavorrano, al quale manca però l’ultimo tocco. Al 45’ sulla punizione dalla destra di Lombardi arriva l’incornata di Vanni che va però a lato. La ripresa si apre con una punizione dal limite di Lombardi che viene fermata senza problemi da Bacci. Al 4’ bel cross dalla destra di Grifone, Lombardi colpisce di controbatto e facile presa del portiere. Al 7’ Wroblewski ferma molto bene Rozzi lanciato in contropiede. Al 9’ invece finisce sopra la traversa la punizione di Lombardi. All’11’ botta sulla sinistra di Malotti che va a lato. Al 16’ Lombardi crossa dalla sinistra, ma Berardi tocca male e il portiere può fermare. Al 24’ il Follonica Gavorrano usufruisce di un calcio di rigore per un fallo di mano di De Vito (espulso per il secondo giallo) nel tentativo di anticipare Vanni. Conti spiazza il portiere con un tiro centrale e pareggia il match. Al 27’ Lombardi prova dalla distanza ma senza fortuna. Al 29’ Conti serve Lombardi in area: pronto il tiro ma Bacci si distende e para. Al 31’ velenosa punizione di Lombardi che Bacci riesce a fermare a pochi centimetri dalla riga di porta. Al 33’ Conti mette alto un servizio al centro di Lombardi. Al 37’ Castellani in contropiede tira sul portiere. Al 42’ il Follonica Gavorrano va in gol con un colpo di testa di Vanni ma il guardalinee aveva già alzato la bandierina per segnare il fuorigioco. Al 48’ gran colpo di testa di Bruni deviato in angolo dalla difesa. Al 49’ Castellani approfitta di un pasticcio della difesa per trovare il gol del 2-1. Ma non è finita e i ragazzi di Indiani riescono a rimettere le cose al posto: al 52’ su cross dell’inesauribile Lombardi Vanni mette in rete di testa: per lui è la terza segnatura stagionale. La formazione pistoiese protesta vibratamente sostenendo che la palla non ha oltrepassato la linea, ma l’arbitro, dopo essersi consultato con il guardalinee, convalida, permettendo al Follonica Gavorrano di portare a casa un più che meritato pareggio. «Sono contentissimo della prestazione della squadra – sottolinea il nuovo mister maremmano Paolo Indiani – i miei ragazzi hanno corso, hanno prodotto tanto, hanno creato delle belle occasioni ma hanno commesso errori difensivi troppo grossi e questo ha precluso la possibilità di vincere la partita. Lavoreremo per vedere di limare questi errori difensivi». «L’Aglianese è un’ottima squadra – prosegue Indiani – ma questo è un girone estremamente equilibrato. Io però credo che una squadra produce tanto come ha fatto in questa partita farà in futuro più gol e verranno i punti. Parliamoci chiaro: se non c’erano problemi io non ero qua». «Prendiamo questo punto – aggiunge il presidente Paolo Balloni – che muove la classifica. Loro sono rimasti in nove e poteva andare molto meglio. Però il bello del calcio è proprio questo: noi tutti avanti e loro che colpiscono in contropiede per il 2-1. Fortunatamente sui titoli di coda siamo riusciti a trovare questo gol, che era dentro di almeno mezzo metro. E questo serve ad alleviare il rammarico per la mancata vittoria. I ragazzi si sono impegnati e nelle prossime settimane con il ritorno di Brega e Lamioni speriamo di riprendere il nostro cammino».
IL TABELLINO: 2-2
FOLLONICA GAVORRANO (3-4-2-1): Wroblewski; Ferrante, Ferraresi (63' Costanzo), Bruni; Grifoni, Berardi, Conti, Dell’Aquila (90' Pietro Carcani); Lepri (78' Galvanio), Lombardi; Vanni. A disp.: Niccolò Carcani, Placido, Pietro Carcani, Pardera, Palmese, Fracassini, Mariani. All.: Paolo Indiani.
AGLIANESE (4-2-3-1): Bacci; Collecchi, Ghidotti, Panelli, Di Vito; Del Colle, Giannini; Rosati (78' Fedi), Rozzi (73' Lunghi), Malotti (91' Della Morte); Vangi (68' Castellani). A disp.: Cipriani, Granucci, Kanteh, Zocco, Della Morte, Fedi, Nieri. All.: Agostino Iacobelli.
ARBITRO: Vogliacco di Bari, coad. da Cumbo di Agrigento e Chillemi di Barcellona Pozzo di Gotto.
RETI: 21’ Rosati; 70' rig. Conti, 94’ Castellani, 97' Vanni.
NOTE: Espulsi Di Vito al 69', Panelli al 90’ per doppia ammonizione e mister Iacobelli al 98’ per proteste; Ammoniti Malotti, Collecchi, Castellani. Recupero 0’+8’.
FONTE: usfollonicagavorrano.it

Monterosi-Grosseto 3-0

Il Monterosi FC vince il big match contro il Grossetto per 3 a 0, le reti di Esposito, Roberti e Persichini regalano 3 punti importantissimi ai biancorossi per la lotta promozione. Primo tempo poco fluido vista l’importanza della posta in palio. Subito pericoloso il Monterosi con il colpo di testa di Costantini al minuto 6: svetta su tutti dopo il cross da calcio d’angolo ma non colpisce nel modo migliore ed il pallone termina sul fondo. Allo scadere del primo tempo, in pieno recupero, Marcianò mantiene il risultato sullo 0 a 0 con un’ottima estensione sul tiro del giovanissimo Sersanti dal limite dell’area. I primi quarantacinque minuti concludono a reti bianche. Il secondo tempo è di tutto altro avviso, i biancorossi trovano il vantaggio al minuto 52 con l’ottima conclusione di Esposito da fuori area, il portiere Barosi non prevede la traiettoria del tiro ed i padroni di casa si portano in vantaggio. Il raddoppio non tarda ad arrivare, al minuto 68 Piroli combatte sulla sinistra per impadronirsi del pallone e serve al centro Roberti che entrato in campo da appena un minuto al posto di Sciamanna sfrutta l’indecisione di Barosi in uscita per insaccare in rete il 2-0. Dopo minuti di sfida intensa i biancorossi concludono definitivamente il match nel recupero. Persichini servito a due passi dalla porta ancora da Angelilli (per lui secondo assist) basta appoggiare la palla in rete per il 3-0 conclusivo. Il Monterosi disputa il match magistralmente senza commettere errori né in fase difensiva che in quella offensiva, sfrutta inoltre la vittoria della recente avversaria Aglianese sul Foligno per stanziarsi in vetta alla classifica al termine della settima giornata di campionato, a due lunghezze dallo Scandicci. I biancorossi possono oltretutto gioire per la porta difesa da Marcianò rimasta inviolata per il quarto match consecutivo. Basta un’incornata di Sylla all’inizio della ripresa per regalare al Bastia il primo successo stagionale e condannare il Ponsacco al terzo ko consecutivo lontano dalle mura amiche. Il massimo con il minimo sforzo per la compagine umbra che ha monetizzato nel migliore dei modi l’unica occasione costruita in novanta minuti. I rossoblù, più che imprecare contro la malasorte, però, devono recitare il mea culpa: troppa leggerezza e approssimazione per riuscire ad impensierire seriamente il portiere di casa Meniconi, inoperoso per quasi tutta la partita, nonostante Caciagli e compagni abbiano tenuto in mano a lungo il pallino del gioco. Pagliuca (che anche ieri ha seguito la partita dalla tribuna scontando il secondo dei tre turni di squalifica), nonostante le tirate d’orecchie in settimana, riconferma lo stesso undici sconfitto sul campo del Trestina con Di Renzone al centro della difesa e Chelini posizione di terzino sinistro. Nel Bastia, invece, non ci sono il centravanti Gigli e i centrocampisti Bokoko e Gori: appiedati dal giudice sportivo i primi due, infortunato l’ultimo. Il canovaccio della sfida racconta di un Ponsacco più bravo e intraprendente nel palleggio ma poco incisivo negli ultimi trenta metri, mentre il Bastia si chiude a riccio per ripartire in velocità, puntando sulla rapidità di Sylla e Felici che, però, trovano pane per i loro denti in Balduini e Di Renzone. Il risultato è una prima frazione che più avara di emozioni non potrebbe essere, con il taccuino che rimane praticamente immacolato. L’episodio che cambia l’inerzia della gara capita proprio all’inizio della ripresa: è il 3’, infatti, quando Felici calcia una punizione dalla destra che scavalca tutta la retroguardia di casa e pesca Sylla appostato sul secondo palo che, con un pizzico di fortuna, insacca il gol che decide la partita. Perché dopo il Ponsacco alza sì il baricentro di almeno una ventina di metri e Pagliuca aumenta la trazione anteriore schierando prima un centrocampista per un difensore (Apolloni per Raimo) e poi un attaccante per un centrocampista (Fornaciari per Degl’Innocenti). Ma concretamente non riesce quasi mai a perforare il fortino eretto dagli umbri a difesa del vantaggio minimo: l’unico vero pericolo, infatti, arriva su calcio da fermo con una punizione di Caciagli che carezza la parte superiore della trasferta. Troppo poco per acciuffare il pareggio.
IL TABELLINO: 3-0
MONTEROSI: Marcianò, Piroli, Petti, Costantini, Buono (81' Gasperini), Esposito (73' Pellacani), Angelilli, Traore, Sciamanna (65' Roberti), Mastrantonio (57' Persichini), Simoncelli (57' Marianeschi). A disp.: De Maio, Dekic, Canestrelli, Massimo. All.: D’Antoni
GROSSETO: Barosi, Polidori (77' Villani), Sabatini (84' Frosinini), Cretella, Ciolli, Gorelli, Sersanti, Viligiardi (68' Pizzuto), Moscati, Galligani (74' Giani), Da Pozzo (63' Boccardi). A disp.: Nunziatini, Fregoli, Consonni. All.: Magrini
ARBITRO: Luca De Angeli di Milano
RETI: 52' Esposito, 67' Roberti, 90' Persichini.
NOTE: Ammoniti Buono, Petti, Da Pozzo, Sciamanna, Viligiardi, Cretella, Ciolli. Recupero 1′+4′.
FONTE: monterosifc.com

Bastia-Ponsacco 1-0
Basta un’incornata di Sylla all’inizio della ripresa per regalare al Bastia il primo successo stagionale e condannare il Ponsacco al terzo ko consecutivo lontano dalle mura amiche. Il massimo con il minimo sforzo per la compagine umbra che ha monetizzato nel migliore dei modi l’unica occasione costruita in novanta minuti. I rossoblù, più che imprecare contro la malasorte, però, devono recitare il mea culpa: troppa leggerezza e approssimazione per riuscire ad impensierire seriamente il portiere di casa Meniconi, inoperoso per quasi tutta la partita, nonostante Caciagli e compagni abbiano tenuto in mano a lungo il pallino del gioco. Pagliuca (che anche ieri ha seguito la partita dalla tribuna scontando il secondo dei tre turni di squalifica), nonostante le tirate d’orecchie in settimana, riconferma lo stesso undici sconfitto sul campo del Trestina con Di Renzone al centro della difesa e Chelini posizione di terzino sinistro. Nel Bastia, invece, non ci sono il centravanti Gigli e i centrocampisti Bokoko e Gori: appiedati dal giudice sportivo i primi due, infortunato l’ultimo. Il canovaccio della sfida racconta di un Ponsacco più bravo e intraprendente nel palleggio ma poco incisivo negli ultimi trenta metri, mentre il Bastia si chiude a riccio per ripartire in velocità, puntando sulla rapidità di Sylla e Felici che, però, trovano pane per i loro denti in Balduini e Di Renzone. Il risultato è una prima frazione che più avara di emozioni non potrebbe essere, con il taccuino che rimane praticamente immacolato. L’episodio che cambia l’inerzia della gara capita proprio all’inizio della ripresa: è il 3’, infatti, quando Felici calcia una punizione dalla destra che scavalca tutta la retroguardia di casa e pesca Sylla appostato sul secondo palo che, con un pizzico di fortuna, insacca il gol che decide la partita. Perché dopo il Ponsacco alza sì il baricentro di almeno una ventina di metri e Pagliuca aumenta la trazione anteriore schierando prima un centrocampista per un difensore (Apolloni per Raimo) e poi un attaccante per un centrocampista (Fornaciari per Degl’Innocenti). Ma concretamente non riesce quasi mai a perforare il fortino eretto dagli umbri a difesa del vantaggio minimo: l’unico vero pericolo, infatti, arriva su calcio da fermo con una punizione di Caciagli che carezza la parte superiore della trasferta. Troppo poco per acciuffare il pareggio.
IL TABELLINO: 1-0
BASTIA: Meniconi; Marconi, Russo, Briganti; Rosignoli, Rondoni, Menchinella, Berettoni, Bolletta; Felici, Sylla (68' Corrial). A disp.: De Vincenzi, Gremizzi, Boninsegni, Taifour, Rufini, Convito, Belloni, Skenderi. All.: Ortolani.
PONSACCO: Mariani; Raimo (64' Apolloni), DI Renzone, Balduini, Chelini (83' Becagli); Mazroui, Caciagli, Degl’Innocenti (72' Fornaciari); Papi; Noccioli, Tehe. A disp.: Lista, Prete, Molinaro, Autieri, Lenzi, Reymond. All.: Biancalana
ARBITRO: Cutrufo di Catania
RETE: 48’ Sylla

Scandicci-Pomezia 2-0
Un'altra bella vittoria per lo Scandicci, che al "Turri" supera 2-0 il Pomezia e continua la striscia positiva, con il terzo posto in classifica che certifica l'ottimo avvio di stagione dei Blues. Di fronte ad una bella cornice di pubblico, subito scatenato Mugelli, che al 4' su grande apertura di Guidelli manda fuori di pochissimo con un bel tiro a giro. Al 33' lo stesso Mugelli sblocca la sfida, scartando il portiere dopo grande assist di Zaccagnini e depositando in rete. Al 42' bravo Timperanza a salvare in uscita su Evacuo, mentre un minuto più tardi ci prova Guidelli, ma il suo tiro termina centrale. Nel recupero altra invenzione di Mugelli, ma il portiere ospite è miracoloso a respingere con i piedi. Nella ripresa lo Scandicci gestisce bene e va vicino al raddoppio per due volte con Zaccagnini, e al 91' arriva il 2-0 con Saccardi, che ottimamente imbeccato da Ferretti infila il portiere con freddezza. 
IL TABELLINO: 2-0
SCANDICCI: Timperanza, Vinci, Frascadore, Sinisgallo, Colombini, Manganelli, Zaccagnini, Poli, Saccardi, Guidelli, Mugelli. A disp.: Ubirti, Pucci, Nieri, Borgarello, Mina, Carnevale, Ferretti, Sacca, Giannone. All.: Davitti Claudio
POMEZIA: Stasi, Ceparano, Colantoni, Lisari, Ruggiero, Morelli, Cestrone, Fatati, Massella, Evacuo, Bizzaglia. A disp.: Pinna, Fusaroli, Gallo, Nannini, Lo Pinto, Arduini, Gamboni, Bertino, Tueto Fotso. All.: Bussi Andrea
ARBITRO: Antonio Di Reda di Molfetta
RETI: 33° Mugelli, 91° Saccardi
FONTE: scandiccicalcio.it

Ultima modifica il Lunedì, 14 Ottobre 2019 11:41