app almanacco

Serie D Girone E - Le cronache di oggi

Sesta giornata di campionato e la classifica inizia a prendere una sua fisionomia più precisa. Ecco le cronache dei match più interessanti della domenica: Aglianese-Monterosi 0-1, Flaminia-Scandicci 1-1, Grassina-Cannara 2-2, S.Donato Tavarnelle-Follonica Gavorrano2-0 e Trestina-Ponsacco 1-0.

Aglianese-Monterosi 0-1
E’ una buona Aglianese quella vista oggi in casa contro il Monterosi, considerando anche le svariate assenze tra le quote mister Iacobelli ha dovuto cambiare diversi interpreti del solito 4-2-3-1 senza però rivoluzionare la squadra. Il Monterosi, una delle squadre più forti del raggruppamento, ha disputato un buon match senza creare grossi pericoli ma anche concedendo poco alla squadra di casa. Inizio di partita blando da parte di entrambe le squadre che sembrano studiarsi nei minuti iniziali, più che voler già indirizzare la partita su binari ben precisi. L’Aglianese resiste bene ai primi squilli del Monterosi che prova ad affacciarsi con qualche iniziativa verso il quarto d’ora. Dopo qualche minuto passato nella propria metà campo, inizia a venire fuori la squadra di mister Iacobelli e lo fa al 22esimo con una conclusione velleitaria di Malotti. Aglianese che esce dalla propria metà campo creando qualche occasione ma lasciando anche più spazi, ne approfitta così il Monterosi che al 27’ minuto mette in mezzo un cross dalla sinistra sul quale è bravo a spizzare Mastrantonio, ma la retroguardia aglianese fa buona guardia. L’occasione più ghiotta della prima metà di gara arriva alla mezz’ora su un corner dalla sinistra per il Monterosi sul quale arriva bene Costantini ma mette di poco alto. Sugli sviluppi del corner la squadra ospite perde il suo numero 9, Roberti, per infortunio ed al suo posto entra col numero 18 Simoncelli, cambio che come vedremo risulterà decisivo. Minuti finali del primo tempo senza particolari occasioni ma con 2 ammoniti per parte. Terminano così sullo 0-0 i primi 45 minuti Si riparte al Bellucci con le formazioni che scendono sul terreno di gioco senza sostituzioni. Dai primi minuti di gara però sembra già vedersi qualcosa di diverso rispetto alla chiusura del primo tempo: entrambe le squadra partono con un piglio decisamente più grintoso e provano a spingere sin da subito. Soprattutto la squadra ospite, così come nel primo tempo, riesce a chiudere l’Aglianese nella propria metà campo senza però impensierire mai Bacci. Già nella prima mezz’ora il Monterosi ha due ghiottissime palle gol nate da due imprecisioni in uscita della squadra di casa. La prima è subito al quinto minuto, con Fedi che sbaglia un passaggio rischiando di mettere il Monterosi a tutto per tu con Bacci ma è brava la difesa neroverde a recuperare, la seconda occasione nasce invece da un retropassaggio errato di Rosati, che viene intercettato da Sciamanna che spreca però malamente questa buona occasione. Mister Iacobelli effettua due cambi inserendo Castellani e Kanteh al posto di Malotti e Rozzi. L’Aglianese continua a provarci ma senza creare veri pericoli alla porta di Marcianò. Al 35esimo minuto sono gli ospiti a portarsi in vantaggio con un colpo di testa in tuffo di capitan Costantini sugli sviluppi di un corner, ma mentre la squadra esulta il signor Ursini di Pescara annulla la rete per fallo in attacco. Si riprende così a giocare sullo 0-0. Quando la partita sembra avviarsi al termine però vengono fuori le due occasioni più grandi della partita: la prima è per l’Aglianese con Vangi, che si trova al limite dell’aria di rigore e calcia a botta sicura ma non riesce a dare forza al pallone, sul capovolgimento di fronte (al minuto 47 della ripresa) il Monterosi si ritrova in area di rigore neroverde ma si vede respingere un tiro da Bacci, il più veloce a cogliere la respinta è però il subentrato Simoncelli che a porta vuota insacca e regala i 3 punti alla squadra laziale.
IL TABELLINO: 0-1
AGLIANESE (4-2-3-1): Bacci; Di Vito, Fedi, Ghidotti, Panelli (68' Collecchi); Del Colle, Giannini; Rosati (82' Zocco), Rozzi (75' Kanteh), Malotti (75' Castellani); Nieri (85' Vangi). A disp.: Cipriani, Granucci, Della Morte, Rinaldi. All.: Iacobelli.
MONTEROSI (4-4-2): Marcianò; Esposito, Petti, Costantini, Piroli; Mastrantonio (87' Sciamanna), Traorè (92' Canestrelli), Buono, Angelilli; Roberti (30' Simoncelli), Sciamanna (85' Persichini). A disp.: De Maio, Gasperini, Dekic, Squerzanti, Marianeschi, Massimo. All.: D’Antoni.
RETE: 91' Simoncelli.
NOTE: Ammoniti Rosati, Petti, Giannini.
FONTE: pistoiasport.com

Flaminia-Scandicci 1-1
Flaminia ancora a caccia del primo successo stagionale riceve lo Scandicci vice capolista con dieci punti.  Nohman non ce la fa per il problema alla caviglia ed è costretto ad accomodarsi in panchina. Polizzi preferito a Morbidelli per completare il tridente con Boldrini e Sirbu. La squadra di Punzi parte malissimo. Grottesco autogol di Fapperdue che nel retropassaggio al portiere non trova nei pali l’estremo difensore civitonico. Scandicci in vantaggio. La reazione dei locali arriva al 13’ col sinistro ravvicinato che sfiora il palo.  Ci prova qualche minuto più tardi Lazzarini ma viene murato. Gli ultimi venticinque minuti della ripresa scivolano via senza particolari sussulti fino al 44’ quando da un errore di Fapperdue sulla linea di centrocampo fa partire il contropiede di Ferretti che viene steso in area dal portiere Sordini tra le proteste dei difensori della Flaminia. Sul dischetto Manganelli si fa ipnotizzare da Sordini che tiene in corsa la squadra di Punzi prima dell’intervallo. Nella ripresa un cross di Lazzarini viene salvato in angolo da Frascatore. Al 2’ ci prova anche Mignone ma la sfera finisce sul fondo. Risponde lo Scandicci al 3’ con un affondo di Borgarello che colpisce di sinistro l’esterno della rete dopo aver saltato mezza difesa in velocità. Al minuto 11 Borgarello ancora sfiora il raddoppio. E’ attento Sordini. Al 12’ sul rovesciamento di fronte Boldrini costringe Timperanza all’angolo. Al 13’st Punzi fa tre cambi e sul corner in questione sul tiro dal limite di Morbidelli fallo di mano dei toscani in area ravveduto però dall’assistente. Sul dischetto Boldrini spiazza l’estremo difensore Scandicci e fa 1-1. Prima rete in campionato per il numero sette civitonico. Alla mezz’ora esatta sulla pressione di Morbidelli è Frascatore a rischiare un altro autogol pazzesco che sfiora l’incrocio dei pali. Al 33’ errore di Panini in difesa e Saccardi per poco non beffa Sordini con un pallonetto. Rischia grossa la Flaminia che oggi paga forse le troppe disattenzioni difensive. Al 39’ Muggelli servito in contropiede da Saccardi si divora la rete dell’1-2 spedendo alto sotto misura. Quattro di recupero ma non c’è più tempo per il forcing Flaminia che deve rimandare la vittoria di un’altra settimana.
IL TABELLINO: 1-1
FLAMINIA: Sordini, Staffa, Carta, Barone, Fapperdue (58' Ingretolli), Panini, Boldrini, Lazzarini (73' Guadalupi), Polizzi (57' Morbidelli), Mignone, Sirbu (58' Massaccesi). A disp.: Montesi, Battistelli, Vergine, Buffolino. All.: Punzi
SCANDICCI: Timperanza, Zaccagnini, Frascadore, Sinisgallo (65' Vinci), Colombini, Manganelli, Poli, Borgarello, Ferretti (61’ Saccardi), Guidelli, Mugelli. A disp.: Ubirti, Pucci, Mieri, Feroce, Carnevale, Mazzanti, Giannone. All.: Davitti
ARBITRO: Domenico Mallardi di Bari.
RETI: 4’ aut. Fapperdue, 14’st rig. Boldrini
NOTE: Ammoniti Sordini, Staffa, Mignone, Manganelli, Mugglli. Allontanati per proteste il ds Flamini Coni ed il tecnico Scandicci Davitti. Recupero 1’+4’.
FONTE: calciodellatuscia.it

Grassina-Cannara 2-2
Sfortuna, errori, gli ennesimi dubbi sull’arbitraggio. Grassina-Cannara è la cronaca di una domenica, quella del Pazzagli, che sembra foriera di riscatto per i rossoverdi, capaci di andare al riposo sul 2-0, ma che si rivela ancora più amara dell’ultima trasferta di Scandicci, a causa dei fuochi d’artificio che esplodono nell’ultimo quarto d’ora di gara: un gol in posizione dubbia e un rigore (quello del definitivo 2-2 umbro) che scatena le furiose proteste dei tifosi del Grassina, prima del fischio finale anticipato addirittura di un minuto. Nonostante una partenza non brillantissima, i rossoverdi avevano chiuso il primo tempo sul doppio vantaggio, grazie ai due rigori concessi prima per fallo di Ricci su Bellini (trasformato da Baccini al 31’), e poi per atterramento del portiere Lori ancora su Bellini. Quest’ultimo si incarica della battuta dal dischetto e realizza. Gli ospiti si erano fatti intravedere soprattutto all’inizio, con due tentativi di Bazzoffia salvati in extremis dall’intervento di Pisaneschi e la clamorosa traversa di Ubaldi. Nella ripresa i rossoverdi sfiorano il 3-0 ancora con Bellini che raccoglie un invito di Bigica (respinta del portiere avversario), mentre dall’altra parte, al 65’, Bazzoffia sfonda e calcia, ma Burzagli è bravo a rimanere in piedi. A metà frazione una brutta notizia per i rossoverdi: capitan Villagatti è costretto a lasciare il campo, come nella scorsa gara di Scandicci. Poi, il primo episodio: al 79’ un corner del Cannara viene respinto, la palla viene riproposta per Bazzoffia che era rimasto in attacco (in posizione assai dubbia) ed il numero undici umbro è bravo a girarsi col sinistro ed a mettere la palla sotto l’incrocio. Gli ospiti ci credono e pervengono al pareggio poco dopo: un contrasto in area tra Alderotti e Colombi viene giudicato falloso dal signor Santarossa di Pordenone, che non esita ad indicare il dischetto. In tribuna la decisione viene accolta con incredulità per un contatto che sembra tutt’altro che da rigore. Lo stesso Colombi realizza il 2-2 con cui termina il match. Piccola nota nel finale: il direttore di gara concede cinque minuti di recupero, ma al 94’, quando il Grassina beneficia di una punizione in zona pericolosa, fischia la fine del match nonostante manchi ancora un minuto. Ma tant’è… Prossimo appuntamento previsto per mercoledì 9 ottobre in Coppa Italia, al Pazzagli contro il San Donato Tavarnelle.
IL TABELLINO: 2-2
GRASSINA (4-3-3): Burzagli, Testaguzza (80’ Leporatti), Pisaneschi, Villagatti (68’ Alderotti), Benvenuti, Torrini, Degli Innocenti, Bigica, Baccini (68’ Bruni), Marzierli (80’ Privitera), Bellini (88’ Gargano). A disp.: Cecchi, Marconi, Nuti, Metafonti. All.: Matteo Innocenti.
CANNARA (5-3-2): Lori, Giorni, Ricci, Curti, Stramaccioni, Frustini, De Sanctis (58’ Currado), Mennini (65’ Colombi), Bagnolo, Ubaldi (73’ Tucci), Bazzoffia. A disp.: Checcarelli, Di Rocco, Dedja, Mercuri, Del Sante, Filosa. All.: Antonio Alessandria.
ARBITRO: Santarossa di Pordenone, coad. da Bosco di Lanciano e Siracusano di Sulmona.
RETI: 31’ rig. Baccini, 44’ rig. Bellini, 79’ Bazzoffia, 83’ rig. Colombi.
NOTE: Ammoniti Degli Innocenti, Lori, Bellini, Ubaldi. Tiri in porta 6-5. Tiri fuori 2-5. Angoli 2-7. Fuorigioco 2-3. Recuperi 3’+5’.
FONTE: grassinacalcio.it

S.Donato Tavarnelle-Follonica Gavorrano 2-0
Il San Donato Tavarnelle torna in campo al ‘Pianigiani’ di Barberino Tavarnelle in occasione della sesta giornata di campionato contro il Follonica Gavorrano. Di fronte a una buona cornice di pubblico il San Donato Tavarnelle parte bene nel primo tempo e riesce ad avere, soprattutto nei primi 30 minuti, un ottimo controllo del gioco, ma le occasioni su entrambi i fronti. Il primo vero squillo della partita è al 28′ quando improvvisamente Gemignani sveglia la partita con una conclusione direttamente da corner che inganna il portiere Ombra e finisce in rete.  Improvvisa fiammata del centrocampista giallo blu che si ripete pochi istanti dopo al termine di una ottima azione corale: conclusione indirizzata sul secondo palo e straordinaria deviazione in calcio d’angolo dell’estremo difensore del Follonica Gavorrano. Il primo tempo dei rosso blu invece è in due fiammate di Vanni e Lombardi alla mezzora ma la difesa del San Donato Tavarnelle riesce a salvarsi in qualche modo. La ripresa, soprattutto nei primi minuti, vede la squadra di Bonucelli determinata a segnare e sembra partire con maggiore piglio ma la prima vera occasione arriva al 72′ con Costanzo che dopo una ripetuta percussione dalla sinistra scalda le mani a Nannelli che respinge di pugno. Il San Donato Tavarnelle si era reso protagonista al 63′ con una conclusione ravvicinata di Masini, abile a raccogliere un traversone dalla destra; pronta la risposta della retroguardia rosso blu. All’86’ ancora Gemignani dalla sinistra, punizione che viene respinta, splendida rovesciata di Giordani che impegna Ombra, nell’area piccola implacabile Zambarda che trova la rete del raddoppio. All’88’ Costanzo prova a trovare la rete per riaprire la partita con una bordata su punizione ma ancora una volta Nannelli si supera e devia in calcio d’angolo. Alla fine dei 90 minuti saranno 5 i minuti di recupero che scivolano via e consegnano i 3 punti ai padroni di casa
IL TABELLINO: 2-0
SAN DONATO TAVARNELLE: Nannelli, Nassi, Di Mascio, Brenna, Zambarda, Salvadori, Kernezo, Gemignani, Giordani, Masini, Tetteh. A disp.: Cucchiararo, Ciurli, Bruni, Zagaglioni, Calonaci, Mulas, Favilli, Pino, Zuppardo. All.: Venturi Simone
FOLLONICA GAVORRANO: Ombra, Bruni, Grifoni, Lepri, Vanni, Lombardi, Lamioni, Ferraresi, Berardi, Costanzo, Fracassini. A disp.: Carcani N., Galvanio, Dell Aquila, Placido, Carcani P., Pardera, Valente, Palmese, Cordovani. All.: Bonuccelli Vitaliano
ARBITRO: Gianluca Delnotaro di Vico
RETI: 26′ Gemignani, 84′ Zambarda
FONTE: sandonato-tavarnelle.it

Trestina-Ponsacco 1-0
Nulla da fare. Basta un calcio di rigore di Belli, al 14’ del primo tempo, al Trestina per conquistare l’intera posta in palio. La reazione dell’Fc Ponsacco 1920, infatti, è veemente soprattutto nei primi quarantacinque minuti ma si affievolisce alla distanza condannando i rossoblù alla seconda battuta d’arresto stagionale. Nei rossoblù Noccioli riprende posto in avanti al fianco di Tehe, ma la novità è soprattutto cromatica con la squadra di Pagliuca, oggi squalificato e sostituito in panchina da Biancalana, alla prima stagionale con i colori rossoblù. Poche novità anche nel Trestina con mister Cerbella che, rispetto all’undici uscito vittorioso sette giorni fa dalla gara con il Tuttocuoio, inserisce Diemè per Khribech. La mossa, però, si rivela efficace perché il 4-3-3 degli umbri fa male soprattutto sulle corsie esterne con Belli a sinistra e proprio con Diemè a destra. Anche se l’episodio che rompe l’inerzia della partita è soprattutto merito del centravanti Benedetti, bravissimo al 13’ a proteggere un pallone di area di rigore e a costringere al fallo Di Renzone. Dal dischetto è impeccabile la realizzazione di Belli che porta in vantaggio i padroni di casa. L’Fc Ponsacco 1920 accusa il colpo, ma al dal ventesimo ricomincia a macinare gioco e a collezionare occasioni: al 20’ Noccioli se ne va sul filo del fuorigioco e libera Papi in piena area per la conclusione a botta sicura su cui Niederweiser si supera e respinge con i piedi. Sette minuti dopo, invece, Tehe si allunga in spaccata su una punizione di Caciagli e da distanza ravvicinata sfiora il palo alla sinistra del portiere di casa. L’inerzia della partita non cambia nemmeno nella ripresa, anche perché Il Trestina toglie un’attaccnte (Belli) e inserisce un difensore (Santini) a protezione del vantaggio di misura. I rossoblù conquistano campo e metri, ma no riescono ad impensierire Niederwieser neppure dopo la girandola di sostituzioni con Becagli che ha preso il posto di Di Renzone, Fornaciari al posto di Papi e Degl’Innocenti per Apolloni. Le occasioni più nitide, invece, sono capitati agli umbri prima (5’) con una mezza rovesciata sporca di Fumanti e poi soprattutto al 34’ quando Khribech, liberato da una bella percussione di Gori, conclude a botta sicura e sulla linea salva in spaccata Becagli. Dopo è assalto all’arma bianca alla porta umbra, ma il fortino di casa regge fino al triplice fischio e così per i rossoblù arriva la seconda battuta d’arresto lontano da Ponsacco.
IL TABELLINO: 1-0
TRESTINA: Niederweiser; Fumanti, Ibojo, Cenerini, Caruso; Gabellini (55' Santini), Gori, Gramaccia; Diemè (62' Khribech), Benedetti (88' Kajmaku), Belli (55' Lignani). A disp.: Guerri, Erhabor, Trinchese, Venturi, Botteghi. All.: Cerbella.
PONSACCO: Mariani; Raimo, Balduini, Di Renzone (52' Becagli), Chelini; Mazorui, Caciagli, Apolloni (72’ Degl’Innocenti); Papi (68' Fornaciari); Tehe, Noccioli. A disp.: Bartolozzi, Pelliconi, Molinaro, Reymons, Aufiero. All.: Pagliuca (squalificato, in panchina Biancalana).
ARBITRO: Cardella di Torre del Greco.
RETE: 14’ rig. Belli.

Ultima modifica il Lunedì, 07 Ottobre 2019 14:19