app almanacco

Eccellenza - Migliorini: "Poggibonsi scelta azzeccata"

Conferenza stampa di Dario Migliorini. Le dichiarazioni del difensore giallorosso: “Sono arrivato da poco più di un mese, ma posso già affermare che Poggibonsi è stata una scelta indovinata. Vestire giallorosso mi rende felice. Sono a mio agio sia con la società, che con i compagni. Archiviati i miei trascorsi a Montevarchi, mi sono portato dietro il desiderio di rimettermi in gioco. Qui stanno puntando molto su di me e voglio ripagare la fiducia della società, mettendomi in luce con la maglia del Leone. Fino a Dicembre ho giocato in serie D; adesso sono sceso di categoria, facendo temporaneamente un passo indietro per farne poi due in avanti. Poggibonsi inoltre non rappresenta affatto un declassamento. Non è una frase fatta, ma questa piazza merita altri palcoscenici. Lo zoccolo duro dei tifosi ci è sempre accanto. Noi cerchiamo di ripagarli provando a vincere ogni domenica e sono convinto che, se e quando ci saranno risultati migliori, le presenze allo stadio aumenteranno. Domenica contro la Rignanese siamo andati in affanno più per un fatto psicologico che atletico o di gioco. L’assenza di risultati di questo periodo ha alimentato molta ansia, che è salita specialmente negli ultimi minuti di gara; motivo per il quale siamo calati dopo la rete del 2-1. Contava comunque la sostanza, cioè conquistare i tre punti. Credo fermamente che il gioco verrà fuori con il passare delle settimane, anche perché mister Cerasa è qui da poco, ci deve ancora conoscere a fondo e dovrà fare le sue valutazioni del caso. Di certo queste ultime partite vanno considerate tutte come finali. A livello di squadra non dobbiamo fissare traguardi precisi. Non scordiamoci che per il Poggibonsi questa è una stagione di transizione. Al momento la classifica ci dice che siamo in zona play-off, ma mancano ancora tante giornate e quindi dovremo lottare duramente per migliorare questa posizione. La sfida con l’Antella ’99 sarà tosta. Loro sono una formazione ostica e molto fisica. Noi di sicuro dovremo cambiare la mentalità di domenica scorsa, quando forse ci siamo sentiti superiori all’avversario. Questa gara andrà affrontata con umiltà e con la consapevolezza dei nostri mezzi”.