logo fantaeccellenza

Serie D - Aquila Montevarchi: sul mercato con due "input"

Da sinsitra il d.s. Giorgio Rosadini, il presidente Angelo Livi e il tecnico Simone Venturi il giorno della presentazione Da sinsitra il d.s. Giorgio Rosadini, il presidente Angelo Livi e il tecnico Simone Venturi il giorno della presentazione

Sistemata la casella del tecnico, l'Aquila Montevarchi può finalmente muoversi per la costruzione della nuova stagione. Il d.s. Giorgio Rosadini e l'intera società si stanno muovendo su due linee guida. La prima riguarda la squadra che verrà consegnata al nuovo allenatore Simone Venturi. La dirigenza rossoblu sta lavorando per costruire una squadra che dia continuità al progetto degli ultimi anni e possa conquistare una salvezza tranquilla strizzando l'occhio magari ai play-off. Si partirà quindi con una lunga serie di conferme per non smantellare la squadra che ha comunque ben figurato quest'anno. La prima conferma è quella del bomber Adnane Essoussi (84) che vestirà quindi la maglia rossoblu anche nella prossima stagione, e sarà la terza consecutiva. Non ci saranno più invece al "Brilli Peri" né il centrocampista Giacomo Gorini (89) né l'attaccante Giordano Napolano (88), né il difensore Lorenzo Schiaroli (98), che era in prestito dal Gubbio e tornerà quindi alla società eugubina. Per il resto dei giocatori "titolari" (al di là di quelli di proprietà del Montevarchi che ovviamente resteranno in rossoblu), si sta cercando la conferma praticamente con tutti: dal centrale Alessandro Videtta (92), al laterale Valerio Niccolò Rosseti (90), fino al difensore Giulio Gorini (91). Sul mercato ci cerca quindi un giocatore importante per ruolo: un difensore, un mediano basso e un attaccante (c'è in corso un'avviata trattativa con Elia Guidotti (90) della Fortis Juventus, il cui lavoro però complica il discorso).
Il secondo filone su cui si sta muovendo la società è quello del potenziamento degli impianti. È ormai nota la volontà del Montevarchi di Angelo Livi di far fare un salto di qualità al sussidiario del "Brilli Peri", stendendo il manto di erba sintetica per permettere così alle squadre del settore giovanile, sulle quali la società punta molto, si avere una "casa" dove allenarsi e non dover andare in giro per il circondario a cercare un campo da gioco. L'accordo con l'amministrazione comunale c'è già da tempo, ma la burocrazia e la mancanza di fondi da parte del Comune rende il tutto più lento e difficile.

Clicca qui per ordinare il nuovo Almanacco del Calcio Toscano 2018