ordina l'almanacco

Promozione Spareggi - Chiantigiana-Sporting Cecina d.t.s. (0-0) 0-1

Lo Sporting Cecina va in Eccellenza con un gol di Cosimi a sei minuti dal termine dei tempi supplementari contro la Chiantigiana, formazione del girone B vincitrice della Coppa, nella semifinale del quadrangolare di Promozione. La gara è tiratissima sin dall’inizio: le due squadre si giocano la stagione. La vittoria della vincitrice dei play off del girone C appare meritata per quanto costruito durante tutto l’arco di questa sfida decisiva. Già nel primo tempo, infatti, gli uomini di Brontolone hanno collezionato ben tre o quattro occasioni da rete: su alcune azioni partite dai piedi di Pedroni e Fabbri sono andati vicini al vantaggio Faraoni, lo stesso Fabbri e Campisi. Due di queste opportunità sono finite col pallone che ha sfiorato i pali dela porta di Gasparri, tutte e tre comunque sono terminate a lato. Stesso copione nella ripresa. Questa volta, però, le conclusioni a rete - tutte dal limite dell’area - sono state nell’ordine di Fabbri, Campisi e Gronchi. Nessuna di queste, però, ha trovato lo specchio della porta. Brutto, invece, e poco emozionante il primo tempo supplementare. Le uniche cose da segnalare sono i tanti giocatori che si sono fermati a causa dei crampi e, più, in generale la stanchezza di tutti gli uomini scesi in campo. Sono, forse, gli ultimi di questi a fare la differenza. La linea rosa dei subentrati premia lo Sporting Cecina. Non solo gli ingressi di El Falahi e Cosi ma, soprattutto, quello di Biondi per Dell’Aversana finisce per sistemare il centrocampo e, di conseguenza, tutto l’assetto tattico del Cecina. Al 114’ arriva il gol che decide la sfida: corner di Gronchi per Cosimi che trova la zampata vincente mettendo la sfera a fin di palo, tra quest’ultimo e il portiere, per la gioia dei tanti tifosi del Cecina. La Chiantigiana non demorde e va vicina al pareggio con un bel tiro di Fontanelli poco dopo la rete del Cecina ma Frongillo, come un gatto, si fa trovare pronto ed evita il peggio. Alla fine dei tre minuti di recupero arriva il fischio finale che decreta il passaggio di categoria dello Sporting Cecina: la festa è quindi cominciata. La finale del quadrangolare contro il Camaiore, che ha battuto sempre ai supplementari il Pratovecchio Stia nell’altra semifinale odierna, si giocherà solo per decidere chi delle due avrà raggiunto l’Eccellenza sul campo e chi in Eccellenza sarà, invece, ripescata. Il passaggio di categoria era l’obiettivo e l’obiettivo è stato raggiunto al termine di questa davvero emozionante post-season, le cui fatiche ulteriori del Cecina rispetto alla Chiantigiana, che aveva comunque raggiunto la zona play off nel girone B ma a cui non aveva partecipato per aver già vinto la Coppa, non si sono poi così fatte sentire.

IL TABELLINO: d.t.s. (0-0) 0-1
CHIANTIGIANA
: Gasparri, Casucci, Rosati, Pobega, Della Corte, Signorini, Caramanico, Taflaj, Fontanelli, Mugnai, Silvestri. A disp.: Mengoni, Vanni, Lagj, Calosi, Antichi, Donati, Battagello. All.: Paolo Molfese.
SPORTING CECINA: Frongillo, Serini, Cappellini, Gronchi, Cosimi, Modica, Campisi, Dell'Aversana (105’ Biondi), Fabbri, Faraoni (100’ Cosi), Pedroni (90’ El Falahi). A disp.: Cappellini, Righini, Salvini, Rigoni. All.: Antonio Brontolone.
ARBITRO: Nigro di Prato, coad. da Corcione e Kika di Pisa.
RETI: 114' Cosimi.

FONTE: Il Tirreno