logo fantaeccellenza

Domani la finale di Coppa Italia di Eccellenza: le ultimissime

Ci siamo. Ancora 24 ore e poi sarà il momento della finale della Coppa Italia di Eccellenza, fase regionale: al "Gino Bozzi" delle Due Strade domani alle 16 si giocherà l'atto conclusivo con l'assegnazione del primo trofeo della stagione. Di fronte il Grosseto, grande favorito del match, e la Zenith Audax. È la finale di Coppa: la vincente, oltre ad alzare il trofeo, avrà il pass per la Fase Nazionale che potrebbe dare il via libera alla promozione in categoria superiore. Le due squadre arrivano al match in condizioni di organico diametralmente opposte. Il Grosseto di mister Consonni ha appena recuperato bomber Invernizzi, già in campo nel match di domenica a Aulla contro il Marina La Portuale, e (a parte Del Nero) ha in pratica tutti gli uomini a disposizione. Il Grosseto scenderà in campo con il 4-3-1-2, con Boccardi dietro alle punte di origine sudamericana Invernizzi e Vegnaduzzo; in porta ci sarà con ogni probabilità l'esperto Cipolloni. Ha invece molti problemi la Zenith Audax di Bellini: i pratesi non possono utilizzare gli squalificati Magelli, Perugi e Manganiello, in pratica un'assenza per reparto. Inoltre, il giovane talento Piras è tutt'ora infortunato e probabilmente sarà portato in panchina, ma è difficile che possa essere utilizzato dal primo minuto. Si spera invece di recuperare il difensore Benvenuti, infortunatosi domenica, anche perché altrimenti i problemi diventerebbero irrisolvibili in difesa.
Dirigerà l'incontro il fiorentino Gianluca Martino (con gli assistenti Bianchi di Pistoia e Vagheggi di Arezzo) e in caso di parità al 90', si giocheranno i tempi supplementari ed eventualmente i calci di rigore.
Naturalmente, su www.almanaccocalciotoscano.it, potrete seguire la diretta testuale del match delle Due Strade a partire dalle 15.45. Nella serata, poi, vi proporremo gli highlights grazie a Tv Prato che venerdì sera alle 21 trasmetterà poi la cronaca integrale del match con la telecronaca di Massimiliano Masi e Andrea L'Abbate.